La poesia della settimana: Salvo Basso

Abbiamo celebrato il suo ricordo lo scorso 26 aprile presso il Circolo Città Futura di Catania. Manteniamo viva la memoria con questa poesia.
di Piero Buscemi - martedì 8 maggio 2012 - 1818 letture

Nun sacciu scriviri poesii bboni ppe concorsi

Nun sacciu scriviri poesii bboni ppe concorsi.
 Iu scrivu di chiddu ca scrivissi unni fussi fussi.
 Quannu scrivu nunn’aiu pubblicu né ggiurii.
 Sulu occhi, ciatu, na penna, na para di
 fogghi e quasi sempri fami.

No sacciu e nun m’anteressa
 a ccu putissi piaciri, dannumi
 na coppa, na targa, mpremiu.

Iu scrivu di chiddu ca scrivissi unni fussi fussi.
 Picchi scriviri è campari senza iucari
 a mmiscari paroli comu n’ansalata.
 Iu scrivu comu sugnu.
 Nirvusu e ntrucciunatu di fora.
 Tranquillu e bbabbuliddu intra.
 E scrivu chiddu ca sacciu e ppensu.
 E scrivu i paroli ca su i mia.
 Chiddu ca pensu e chiddu ca m’ammuccu.

E scrivu ca mi staiu mutu e ca fazzu finta
 di parrari e di starriarimi no fogghiu.
 Nveci: scriviri è na manu ca stanca e
 ncirveddu ca brucia.

Un cori ca muzzia e ll’aria malandrina.
 Scrivu comu nparrinu dici missa.
 Facennumi iu e ppi primu a comunioni.
 Iu cunfissannumi piccati e ppiccateddi.
 Iu ca aiu ddesideratu i poesii di l’autri,
 ddumannu scusa, ma nun mi sappi tratteniri.

Ccia fidu a ffaricilla?
 Speriamu, priamu, scrivemu.

Salvo Basso. Salvo Basso nacque a Giarre, in provincia di Catania, il 23 ottobre 1963. Crebbe a Scordia, centro agricolo della Pianura di Catania, dove compì studi regolari conseguendo la maturità scientifica. Successivamente si laureò in Filosofia nell’Università di Catania col massimo dei voti e la lode. Manifestò giovanissimo una precoce vocazione letteraria, iniziando presto a collaborare a fogli locali con poesie, aforismi, riflessioni, e divenendo uno dei principali animatori dell’associazione culturale Nadir.

Nel 1994 divenne Assessore alla Pubblica Istruzione del Comune di Scordia, dal 1998 anche con le funzioni di vice sindaco, svolgendo un appassionato programma politico teso alla crescita culturale delle popolazioni della Sicilia sud-orientale, e coinvolgendo nel suo entusiasmo altri giovani politici della sua terra. Organizza in quegli anni conferenze, laboratori di poesia e di filosofia, fiere del libro, e grazie alla sua attività Scordia, “paese dove non c’è neppure un albergo” come spesso ripeteva, diviene il crocevia dove artisti e scrittori di tutta Italia si incontrano.

Le sue poesie intanto venivano pubblicate sulle riviste Il battello ebbro, Molloy, Via Lattea. Negli anni novanta scriverà poesie soprattutto in dialetto siciliano, utilizzando un linguaggio fulminante e corrosivo. Mentre cresce l’attenzione sulla sua poesia, e mentre si prepara alla competizione politica per la carica di Sindaco a Scordia, nei primi giorni di agosto del 2001 si manifestano i primi sintomi di una grave malattia. Il 14 agosto viene sottoposto a Milano a un intervento chirurgico per tentare di asportare un tumore al cervello. Seguono mesi di sofferenze durante i quali continua a scrivere. Muore a Scordia il 26 aprile 2002, pochi giorni dopo l’uscita del libro Ccamaffari. Non era sposato e non aveva figli.

(Biografia a cura del Centro Studi e Ricerche Letterarie Salvo Basso di Scordia)


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -