La poesia della settimana: Raage Ugaas

Dedichiamo alla Somalia e al suo grido di sofferenza la nostra rubrica. Un grido che ci auguriamo non evapori nel vento.

di Piero Buscemi - martedì 8 ottobre 2013 - 3365 letture

Era scesa la notte

Era scesa la notte e dietro le porte chiuse tutti dormivano
 Il tuono richiamò con clamore la pioggia come colpi da mille fucili
 Così era il mio lamento che hanno pensato a un leone che si avvicina
 Per gli uomini la colonna vertebrale e le costole sono il supporto -centrale del corpo

Adesso chiudo gli occhi che ho usato per vedere
 Solo Dio conosce la fonte dei miei lamenti
 L’avvoltoio ferito alla spalla non può volare
 Il cavallo che ha perso la sua spina dorsale non può galoppare

L’uomo ferito agl occhi e alle costole non può cercare la vendetta
 Un uomo il cui cuore soffre non può prendere una sposa
 Quando i cammelli sono assetati gridano più forte
 Come una bambina la cui madre ora vive nell’aldilà

Il cui padre ha portato un’altra donna a dormire nel aqal*
 Sento costantemente dal profondo del mio ventre il dolore
 Sono l’uomo la cui fidanzata è stata data ad un altro
 Sono l’uomo che vede la sorgente ma la cui sete rimane inappagata
 Sono l’uomo il cui fratello è capo clan e tuttavia è accusato
 Io sono l’uomo che siede in silenzio, lentamente ad accarezzare ancora -e ancora la sua bocca

*aqal (tipica capanna nomade usata dai Somali)

Poesia somala Il Somalo è una lingua usata nella pianura orientale del Cushitic dalla super-famiglia Afroasiatica, parlata da circa 12 milioni di persone nel Corno orientale dell’Africa, nonché nella diaspora somala in Nord America, il Regno Unito, la Scandinavia, l’Italia, gli Stati del Golfo e di altre parti del Medio Oriente.

La poesia è proprio nel cuore della cultura espressiva somala ed è stata composta per molto tempo come la conosciamo. Data la natura orale di questa poesia, molto è stato perso nel corso del tempo, ma la tradizione era già molto ben stabilita dal XIX secolo. Secondo B.W. Andrzejewski, il più antico poema in memoria collettiva somalo è una meditazione da Sheekh Cali Cabduraxmaan del XVIII secolo. Altri poemi classici comprendono le opere del poeta Raage Ugaas e quelli di Sayyid Maxamed Cabdille Xasan, leader del movimento Dervish e della resistenza contro la colonizzazione straniera nei primi anni del XX secolo. La poesia somala è metrica e allitterativa, e le poesie in genere rientrano in una delle due grandi categorie: maanso o hees. Maanso sono poesie di autori che si occupano di questioni serie, spesso con argomenti esplicativi, per esempio il gabay. Poesie più leggere sono chiamate hees e sono cantate, spesso con accompagnamento musicale. Essi comprendono canti di lavoro, canzoni da ballo, e la forma urbana moderna, heello.

La prima raccolta di poesie di rilievo, tradotte in inglese fu "La poesia somala di BW Andrzejewski e IM Lewis: Introduzione (1964) utilizzando l’ortografia di Shire Ahmed Jaama. Il lavoro è stato intrapreso per preservare la poesia di alcuni tra i più importanti primi poeti somali e di studiosi come Muusa Galaal degli anni 1960 e 1970. A metà degli anni ’70 Maxamed Xaashi Dhamac ’Gaarriye’ e ​​Cabdullaahi Diiriye Guuleed hanno scritto saggi rivoluzionari usando metriche somali per il giornale Xiddigta Oktoobar. Nel corso dei successivi due decenni, diverse antologie tra cui "Poesia Orale Somala: Storia di una Nazione" sono stati pubblicati in italiano e inglese, mentre Hal - Karaan, le opere complete di Maxamed Ibraahim Warsame ’ Hadraawi, da molti considerato il miglior poeta in lingua oggi, è stato pubblicato in Norvegia nel 1993. Molti poeti contemporanei hanno ancora trasmesso le loro opere dalla tradizione xafidayaal (a memoria), anche se il pubblico somalo di oggi ascolta anche le nuove poesie con cassette e radio, nonché performance dal vivo. Pubblicazioni su internet e un po’ sulla stampa hanno reso le nuove poesie ampiamente disponibili, soprattutto nella diaspora.


- Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -