La poesia della settimana: Fernando del Paso Morante

Considerato dalla critica uno dei più grandi interpreti della letteratura messicana, ha spaziato tra la poesia e la narrativa, riscontrando anche un grosso successo di pubblico.
di Piero Buscemi - martedì 15 maggio 2012 - 1492 letture

Es tan blanca, tu piel, como la nieve

Es tan blanca, tu piel, como la nieve.
 La nieve quiere al sol por lo brillante.
 Y el sol, que se enamora en un instante,
 se acuesta con la nieve y se la bebe.

El sol, aunque es muy grande, no se atreve
 a hacerse olvidadizo y arrogante:
 se acuerda de su novia fulgurante
 y se pone a llorar, y entonces llueve.

Y llueve y llueve y llueve y de repente
 la lluvia se hace nieve: esta mañana
 que nieva tanto en Londres, y ha nevado

luminosa y nupcial y blancamente
 en jirones, tu piel, por mi ventana,
 ningún sol, como yo, tan desolado.

Fernando del Paso Morante (Città del Messico, 1 aprile 1935) è uno scrittore, saggista e poeta messicano. Il suo primo romanzo, José Trigo, fu pubblicato nel 1966 e gli fece riconoscere il Premio Xavier Villaurrutia. Il suo successo letterario si incrociò con la sua attività lavorativa svolta a Londra pressso la BBC. Una collaborazione che gli consentì anche di prestare la propria esperienza a Radio France. Il suo soggiorno in Europa gli permise di affermarsi come scrittore, pubblicando quattro romanzi ed alcune opere per il teatro. Grazie al romanzo Palinuro de México, in Francia ottenne il riconoscimento di Miglior romanzo pubblicato nel 1985. Accostato ai grandi scrittori, quali Carlos Fuentes e Carmen Boullosa, è considerato uno dei più grandi scrittori viventi messicani.


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -