L’angelo, di Rainer-Maria Rilke



giovedì 23 agosto 2012 , Inviato da Redazione Antenati - 5297 letture

Con un cenno della fronte respinge
lungi da sé ogni vincolo, ogni limite
perché per il suo cuore passa alto e immenso il ciclo
degli eventi che ricorrono eterni.
Nei fondi cieli scorge una folla di figure
che lo chiamano: riconosci, vieni -.
Ciò che ti pesa, perché lo sostengano,
non affidarlo alle sue mani lievi.
Verrebbero nella notte a provarti nella lotta,
trascorrendo la casa come furie,
afferrandoti come per crearti
e strapparti alla forma che ti chiude.


Rispondere all'articolo - Ci sono 1 contributi al forum. - Policy sui Forum -
L’angelo, di Rainer-Maria Rilke
25 agosto 2012, di : marmar

Nell’estate 1906, dopo gli screzi e la rottura, nel mese di maggio, del rapporto di lavoro e di amicizia con Auguste Rodin, Rilke scrive due poesie sull’angelo, inserite nella raccolta Neue Gedichte. La prima è ”L’angelo della meridiana”, quella figura sorridente che, alta su un angolo della cattedrale di Chartres, ammicca a chi la guarda, a chi guarda la meridiana che nelle sue mani raccoglie le ore del nostro vivere diurno. Rilke gli chiede se quel sorriso rimane per le ore che l’altra faccia della meridiana a noi nasconde.

Il secondo angelo è figura ben più severa, che non tollera il confidare quando in esso si celi la carente iniziativa, perché è lui il lato notturno, misterioso, che può sorprendere impensatamente il tuo ingenuo approccio, per rinnovarti dalle fondamenta.

Due angeli, due scultoree figure, la feminea e la maschia, create da Rilke con la materia prima che è la lingua, a imitazione di quelle che Rodin traeva dalla pietra.

Tutta la suggestione che da esse deriva mi pare sfumi in parte se non ci si arrischia ad associarle al canto-incanto della metrica. Per questo, appellandomi alla vostra ospitalità, mi permetto di sottoporre a voi le mie due inedite versioni.

L’ANGE DU MÉRIDIEN

Nel turbine, che sul duomo possente

s’ostina, come spirito che nega,

il tuo sorriso, improvvisamente,

ci fa più miti e verso te ci piega,

angelo sorridente, percettiva

forma, bocca che è cento bocche insieme:

non scorgi le ore nostre? un flusso lene

oltre il colmo quadrante che le univa

queste cifre del dì, tutte reali,

presenti tutte, in equilibrio stabile,

fatte in ricchezza e frutto tutte uguali.

Di nostre vite tu, pietra, che sai?

Forse con volto ancora più ineffabile

all’ima notte il disco porgerai?

L’ANGELO

Solo che egli con la fronte accenni,

ogni legame e limite scompare

chè un varco è il cuore suo all’eccelso andare

di ciò che viene in orbite perenni.

Nei cieli può una folla di figure

gridare “0h, vieni e riconosci!” a lui,

ma non porre dei pesi tuoi neppure

uno in sue mani lievi: sol che abbui

verrebbero esse per vieppiù provarti

di stanza in stanza, con foga irritata,

afferrandoti poi, quasi a crearti

di strappo dalla tua forma squarciata.

Grazie per l’omaggio a Rilke.

marmar

Stampa Stampa Articolo
Ricerca
Inserisci la parole da cercare e premi invio
:.: Condividi

Bookmark and Share
:.: Ultimi interventi sul forum