Sei all'interno di >> :.: Culture | Cinema - Visioni |

Juno

Un film di Jason Reitman. Con Ellen Page, Jennifer Garner, Jason Bateman, Michael Cera, Olivia Thirlby, Rainn Wilson, Allison Janney e J. K. Simmons

di Antonio Cavallaro - venerdì 25 aprile 2008 - 4394 letture

Juno Mac Duff è una liceale sedicenne irriverente, con un gran senso dell’umorismo, dannatamente sicura di se e soprattutto incinta dopo la prima volta avuta sulla poltrona col suo amichetto tic-tac all’arancia dipendente. Se da prima l’unica soluzione possibile pare essere l’aborto, Juno torna sulla decisione presa e con coraggio opta per portare a termine la gravidanza per poi affidare il bambino in adozione. Sugli annunci di un giornale trova una coppia desiderosa di avere un bambino ma dopo aver trovato un accordo, Juno scopre che l’idilliaca coppia ha molti più problemi di quanto la loro apparente vita perfetta da borghesi benestanti lasci trapelare…

Dopo l’esordio dietro la macchina da presa con “Thank you for smoking”, Jason Reitman realizza un altro film su un argomento non proprio convenzionale, benché ormai nel mondo del cinema il tema delle minorenni gravide non rappresenti più da tempo un insormontabile taboo. Ma a rendere “Juno” differente è la sua dimensione perenne di commedia, sviluppata con bravura da Reitman che sa infondere ad ogni scena del film originalità, freschezza e verve.

Gran parte però del successo di “Juno” va attribuito a Diablo Cody, altra blogger (…segno dei tempi) che entra nella casta degli scrittori cinematografici dalla porta principale, scoperta dai produttori su internet e così brava da affascinarli col suo stile graffiante e fuori dal comune tanto da affidarle lo script del film.

Commedia a 360° quindi, che lascia al di fuori i possibili sviluppi problematici che una situazione del genere comporterebbe, sollevandoli con la leggerezza di uno stile che reinventa e rende contemporaneo il genere, anche grazie ad una confezione accattivante che fa di “Juno” un prodotto irresistibile e predestinato al successo. In un film girato completamente dal punto di vista della protagonista, l’interpretazione della ventenne Ellen Page si caratterizza per la sua carica di simpatia oltre che per l’innegabile bravura, tanto da convincere i membri dell’Academy di meritare la nomination all’oscar come miglior attrice protagonista.


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -