Sei all'interno di >> GiroBlog | Quisquilie & pinzellacchere |

Ipse dixit. Nr. 2

Da Milena Gabanella a Villasanta (e ritorno)
di Franco Novembrini - mercoledì 31 ottobre 2018 - 515 letture

Confesso che mi sono affezionato, sarà dovuto all’età o alla poca voglia di trovare nuovi titoli, agli Ipse dixit che vuol dire più o meno egli lo ha detto e che non ripeterò mettendo solo i nomi o i fatti a da cui è tratta la notizia.

MILENA GABANELLI - La mitica Milena, un po’ di modestia ci vuole, insieme a due giornalisti del Corriere della sera ha fatto un’inchiesta in cui ha evidenziato un particolare che fa a pugni con la campagna di stampa e con costi pubblicitari elevati la quale diceva, in buona sostanza, se il tuo Comune ricicla di più spenderai di meno per la tassa rifiuti. Falso. Fra le altre prove ha portato quella di un comune della Brianza, confinante con il famoso autodromo di Monza, Lesmo, che ha ottenuto risultati spettacolari nel riciclo e che quest’anno lo vedrà aumentare la tassa sui rifiuti del 5%. Il perché è complicato da spiegare, ma sostanzialmente è dovuto al fatto che è stata fatta una legge per cui le regioni più ’’virtuose’’ si debbono far carico dei rifiuti di quelle che lo sono meno e non possono dismettere inceneritori obsoleti ed inquinanti che fruttano milioni di euro ai gestori, di cui alcuni godono di pessima fama. Insomma si è invertita la rotta dei rifiuti che fino a qualche anno andavano verso la ’’terra dei fuochi’’ ed ora invece è il contrario. Quest’anno in Lombardia si sono verificati oltre 100 incendi di siti di stoccaggio di rifiuti. Sarà un caso?

VILLASANTA - Nel mio Comune, quasi confinante con quello di Lesmo, lo scorso anno è stata fatta una campagna da parte della Giunta che tendeva a far credere che la raccolta dei rifiuti sarebbe stata in gran parte risolta con l’adozione dell’ecuosacco o sacco rosso. Questo ecuosacco non ha colpe perché quello che manca, come spesso accade, è il controllo sulla raccolta. Alcuni esempi di mancato controllo: i cestini dei medicinali scaduti, almeno nel mio quartiere, avvengono solo dopo numerose ed insistite segnalazioni ed i medicinali fuori cestino sono alla mercé di tutti con i relativi pericoli, lo spazzamento delle strade, sempre nel mio quartiere, avviene in maniera pressapochistica. Per di più circa due mesi fa un settimanale locale, non certo ostile al Comune, ha pubblicato una classifica su 23 comuni che colloca il nostro al 3° posto, partendo dall’ultimo, cioè 21° cioè la medaglia ’’facce di bronzo’’. Essendo classificato così poco riciclone non dovrebbe perciò aumentare la tassa, o no.

MO’ VENE NATALE - Le veline comunali, le mail, gli sms, i whattsapp e i giornali amici della Giunta di Villasanta (MB), hanno iniziato la campagna elettorale del maggio 2019 facendo proprie le mirabolanti promesse che, guarda caso, si concretizzeranno nei mesi a venire. Ne evidenzio una: per Natale si dovrebbero inaugurare nel parco giochi del centro cittadino alcune installazioni che permetteranno ai bambini con disabilità di poter giocare anche loro con giochi adatti. Ottimo. Ma c’è un però, o forse due, perché inaugurare i giochi a Natale quando i parchi giochi sono praticamente deserti di bambini normodotati e poi perché questi giochi devono essere concentrati in centro, difficilmente raggiungibile se non con l’auto e le difficoltà per trovare parcheggio. Non sarebbe più equo e giusto distribuirli nei parchi giochi cittadini evitando ai genitori di fare viaggi aggravati dalla disabilità dei figli. Certo che per fare questo bisognerebbe che i parchi di periferia fossero tenuti decentemente e non come alcuni pieni di buche, fango e deiezioni canine e giochi vandalizzati. E, come direbbe un assessore, bisognerebbe trovare i colpevoli! Vaste programme direbbe De Gaulle.

SAN FIORANO NORD- San Fiorano Nord, il mio quartiere, non gode di molta attenzione da parte delle giunte comunali, ma questa in scadenza primeggia, pensate che da giorni l’ambulatorio comunale del quartiere è inattivo perché manca la corrente che invece c’è nella adiacente farmacia e nei condomini vicini. Sembra che alle proteste dei cittadini che hanno evidenziata la cosa sia stato risposto da un incaricato che risulta tutto a posto. Salvo il piccolo particolare che la corrente manca. Suggerirei di interpellare un elettricista o è chiedere troppo?



Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -