Sei all'interno di >> :.: Rubriche | CostituzionalMente |

Ipotetica domanda preliminare a uno storico

di Gaetano Sgalambro - giovedì 12 marzo 2020 - 864 letture

. Premessa: Cosa ci ha insegnato la Cina (12 marzo), a firma Carlo Ruta, pubblicato su www.girodivite.it. Presentazione: «I doveri dell’Europa, i principî dell’Occidente e le priorità per sconfiggere il coronavirus in Italia. "L’Italia è l’epicentro di una emergenza europea e, a conti fatti, globale. Si dimostri allora di essere coerenti e lungimiranti".»

Ho appena finito di leggere con piacere l’articolo in premessa e lo suggerisco. L’ho apprezzato moltissimo anche perché mi ha fornito l’immagine di un autore equilibrato cultore della cultura (ripetitivo necessario, di questi tempi). Anche perché bastona con misura gli sproloqui dei nostri politici, senza lasciarsi travolgere dalla passione politica. Ma, quando ci vuole ci vuole! Non capita tutti i giorni leggere simili autori, che si pongano anche domande sulle lunghe prospettive del paese. Per questo mi piacerebbe chiedergli se i cinesi siano riusciti a intuire la strategia giusta nel controllo dell’epidemia di Conad-19 grazie all’esperienza della loro millenaria civiltà o anche grazie all’intelligenza saputa esprimere dal loro sistema politico-istituzionale. Che per altri aspetti mi suscita qualche perplessità. Questo non per un fine politico o meglio partitico, con cui abitualmente interpretiamo anche il volo di una mosca, tanta è la forza d’irrazionalità radicata in ognuno di noi. Ma solo perché potrebbe tornarmi utile nel tentativo d’individuare i punti di forza prioritari da cui si potrebbe partire per affrontare l’intricato –e forse drammatico- problema virale, che abbiamo da affrontare.


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -