Sei all'interno di >> :.: Primo Piano | Attualità e società |

Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"

La scrittrice catanese Melissa P è stata duramente contestata durante il dibattito con gli studenti avvenuto nell’auditorinum del Monastero dei Benedettini
di Antonio Bugliarello - mercoledì 25 febbraio 2004 - 39435 letture

La presenza di Melissa P., la scrittrice catanese autrice di «Cento colpi di spazzola prima di andare a dormire" ha catalizzato tutta l’attenzione di una serata che pure vedeva la presenza di uno scrittore come Sergej Bolmat, autore di "I ragazzi di San Pietroburgo", libro cult in europa e non solo in Russia. L’incontro, organizzato al Monastero dei Benedettini da Antonio Presti, ideatore del progetto "Viaggio in Sicilia verso Librino", e dalla Facoltà di Lingue e Letterature straniere di Catania, ha visto una presenza numerosa di studenti e curiosi. Gli studenti intervenuti al dibattito che ha seguito la presentazione degli autori hanno contestato duramente l’incontro e in particolar modo il libro di Melissa, negandone ogni possibile valore letterario, giudicandolo frutto di una mera operazione commerciale.

Una ragazza, aprendo il dibattito, ha dichiarato: "Librino non aveva bisogno di poesia ma di strutture… Sono scandalizzata dal fatto che il Preside Pioletti e l’Università non hanno appoggiato altre iniziative, assemblee studentesche più importanti di questo incontro e che il libro di Melissa sia stato presentato come un’opera di un qualche valore letterario".

Melissa P. Non si è lasciata intimidire: "Il libro ha toccato delle corde quali paure, angosce, che riguardano tutti - ha detto - « E’ questo, che accompagnato da un interesse morboso alla mia vicenda spiega il suo successo e l’enorme numero di copie vendute… Ricevo molte e-mail ogni giorno in cui i ragazzi dicono che vivono le stesse emozioni, si identificano in me"

Al termine dell’incontro abbiamo avvicinato Melissa per farle alcune domande.

Quando ti trovi a parlare del tuo libro, i tuoi lettori ne danno un’interpretazione critica che coinvolge anche il tuo vissuto. Qual è il tuo rapporto con le critiche e con le interpretazioni della tua storia?

«Il processo di scrittura è istintivo e creativo. Quando ho iniziato a scrivere le pagine del mio diario io non interpretavo me stessa, la scrittura era il frutto di una mia esigenza liberatoria .Ma il confronto con le interpretazioni scaturite dalla lettura del libro mi ha aiutato ad analizzare più approfonditamente quello che mi è successo e quindi a capirmi meglio».

La tua è una storia autobiografica. Le ferite legate ad un vissuto come il tuo possono graffiare l’anima per sempre. Qual è il rapporto con il tuo passato, con la Melissa del libro?

«Ho scritto il libro per una esigenza interiore di affrontare la mia storia, ma ora è superata, occorre andare avanti. Sono determinata a realizzare i miei progetti. Le pagine del mio libro rappresentano il passato e scriverle ha avuto una parte importante nell’affrontarlo».


Rispondere all'articolo - Ci sono 37 contributi al forum. - Policy sui Forum -
Alcune foto scattate a Melissa P. e Sergej Bolmat
26 febbraio 2004, di : g |||||| Sito Web: Le foto con Melissa P. e Sergej Bolmat

Alcune foto scattate durante la giornata passata ai Benedettini (Catania) con Melissa P. e Sergej Bolmat
    > PAESE DI IGNORANTI!!
    15 giugno 2005

    Non ho letto il libro, e in realtà poco m’interessa di una pseudo-scrittrice che sul sito pubblica le sue foto manco fosse una modella...che cazzo c’entra con la letteratura?!? Però su questo forum ho avuto un’ulteriore prova dell’ottusaggine delle persone! Una donna che si da’ in un certo senso al aseso libertino, è puttana. Un uomo che se ne fa 2 o 3 al giorno è un mito...o, come direbbe qualcuno al cinema, TROPPO BELLO! Vergognatevi! E vergogna pure a chi ha scritto che l’Italia è il paese della Divina Commedia e del Canzoniere...cazzo, ma lo sapete che la cultura si evolve, cresce, va avanti! Non che la cultura sia rappresentata da questa figlia di papà catanese, ma...dio! Guardate oltre, please!
    MELISSA 6 FORTE
    17 novembre 2005

    MELISSA 6 BRAVA SINCERA E SIMPATICA.NON LASCIARTI CONDIZIONARE MAI DA COLORO KE TI CRITICANO XKE LO FANNO SOLO X INVIDIA.NON MOLLARE MAI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    BY PLAYMATE
    17 novembre 2005, di : playmate

    io credo ke melissa p sia davvero brava e vorrei dire a quel grandissimo coglione che l’ha definita una acchiappacazzi che il primo è proprio lui e che si guardasse quella specie di misero essere che vede guardandosi allo specchio
    Alcune foto scattate a Melissa P. e Sergej Bolmat
    24 luglio 2006

    Cara melissa credo nella tua storia , ma non credo alle tue reazioni , sei riuscita comunque a vincere la paura dell’essere giudicata , in una società che non fà altro che essere conforme agli standard della massa , sei stata molto fredda e consapevole che un giorno avresti vinto , ma di sicuro ancora per molto tempo ti chiederai se è veramento quello che ai cercato ... Ciao , ti saluto con una frase che ti farà riflettere . A volte le persone cambiano , nei modi di comportarsi , nell’aspetto , abitudini varie, ma mai cambieranno il loro pensiero , e le fantasie nascoste, che tutti rinchiudono in quella parte del corpo che si chiama CUORE , che batte forte solo quando l’emozione si impadronisce del nostro cervello . Avvolte siamo costretti a cambiare!
> Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
18 marzo 2004, di : hooverine

questo articolo è estremamente riduttivo. si dice sempre la verità più comoda, vero? ma il giornalismo dovrebbe fare altro, ed esporre quantomeno tutte le prospettive. non si fa parola dll’intervento lucidissimo di attilio scuderi. come mai?
    > Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
    19 marzo 2004, di : Antonio Bugliarello

    Premetto che la tua critica è ben accetta e che il forum è uno spazio creato appositamente per permettere un confronto sugli articoli ed i loro contenuti. In merito alla tue parole, posso rispondere che l’articolo "estremamente riduttivo" non vuole raccontare nessuna verità comoda, né esprimere un giudizio di carattere critico sulla validità o meno del libro di Melissa P., ma semplicemente spiegare il perchè della contestazione lasciando spazio alla replica costruttiva dell’autrice.

    Di Attilio Scuderi si parla all’interno di un altro articolo di "Girodivite" incentrato sul libro di Melissa P.

      > Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
      27 marzo 2004, di : Turbo

      I progetti di questa Melissa sono di prendere più cazzi possibili contemporaneamente? Rimango sconcertato dal fatto che scrittori di talento vengano subordinati a una che ha fatto successo solo perchè l’ha data via a chiunque le capitasse a tiro. Adesso poi la "scrittrice" trasforma una bieca operazione commerciale in un indagine sociologica, ma per favore. Melissa P. va a scuola va che è meglio, e fatti una visita ginecologica che ogni 10000 ci vuole il tagliando come le automobili.
        > Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
        31 marzo 2004, di : LAURA

        Hai praticamente detto le cose che avrei voulto dire io. Il libro in questione avrebbe potuto scriverlo una qualsiasi battona da cavalcavia. E’ troppo facile attirare l’attenzione e vendere copie con un libro sul sesso. Vogliamo paragonare questo mucchietto di pagine vergognose di teenager precoce con un romanzo come "Lolita" che tratta più o meno dello stesso argomento, ma che è infinitamente più profondo e travolgente? Mah... io sono senza parole. Come dici tu, ci sono tanti scrittori dotati di vero talento che aspettano nell’ombra mentre ’sta pornodiva riceve tutti gli onori. Non so che dire. Non c’è mai un serial killer in giro,quando serve :)
          > Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
          14 aprile 2004, di : DarkSmile

          Non vi sembra di essere un po’ duri solo per il fatto che una ragazza abbia scritto un libro insignificante sulle sue oscene esperienze? Non mi preoccupa che una ragazza scriva e decida di pubblicare questo diario... quello che mi preoccupa e il successo e la divulgazione che questo libro sta avendo ovunque. M sono trovato tra le mani questo libro per un regalo e, visto che non mi precludo nessuna lettura, l’ho finito in 2 giorni. Pornografia, banale pornografia. Non vi viene da chiedervi cosa possa far diventare questa banale pornografia un BEST-SELLER, un libro rappresentativo. Ho 18 anni, nn prendetemi in giro. Questo libro non mi rappresenta un cazzo. Ma chi è il pubblico, le masse disposte a bruciare 9.50€ per una tale cazzata?
            > Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
            21 febbraio 2005, di : Kurush

            hai centrato in pieno la questione.La cultura italiana sta morendo.Nel Paese della Divina Commedia e del Canzoniere i libri in cima alle classifiche di vendita sono la storia di un’acchiappacazzi siciliana e le barzellette su Totti.Che il futuro abbia pietà di noi.Viva l’Italia.Viva la cultura.
            Credimi "tutti"!
            7 luglio 2005, di : Debby

            Cara Darksmile, credimi "tutti" sarebbero disposti a spendere 9,50 euro per un libro del genere, come lo stesso tutti sarebbero disposti a pagare pochi centesimi al computer pur di visitare scene pornografiche "davvero", perchè il libro di Melissa lascia immaginare ma non vedere,ed è questo il motivo del successo di Melissa. A te lo hanno regalato il libro, ma altri lo vanno a comprare, come chi te lo ha regalato. E poi perchè pensi che noi altri ti possiamo prendere in giro se pensi queste cose? Ognuno ha il suo modo di pensare ed è bene che lo si rispetti, COME IL PENSIERO DI MELISSA.
            > Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
            26 luglio 2006, di : spenky70

            sn d’ accordo..........meno male che non ho osato vedere il film!!!Perche’ si e’ cosi’esposta se voleva un aiuto poteva andare da un medico!!!MALATA NINFOMANE!!!!
          > Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
          20 ottobre 2004

          Piace perchè siamo tutti un po’ maiali e ci piace (senza ammetterlo) leggere le cose che ognuno di noi vorrebbe provare. Potrebbe anche non essere vero, ma non importa. Il vero successo credo che dipenda esclusivamente dal fatto che Melissa P ha un volto e afferma di aver scritto una autobiografia. Sa di vero, il libro sembra reale. Chissà quante persone hanno provato le stesse esperienze senza però renderle dominio di tutti. Se fosse stato un libro anonimo o un romanzo inventato non avrebbe mai venduto così. Da un punto di vista letterario credo che non abbia valore. Il vero valore sta nel dimostrare come tutti noi siamo sessualmente repressi. Se ognuno di noi avesse provato le stesse cose senza vergognarsene il libro non avrebbe avuto nemmeno un lettore. Il serial killer è comunque eccessivo. Non ha fatto niente di male. Magari ha regalato un po’ di eccitazione a chi ne aveva voglia.
          Cooooooosa!?
          7 luglio 2005, di : Debby

          Ma Laura ke vuoi dire col "serial killer"? Melissa non ha mica ucciso qualcuno! Ha provocato polemiche sicuramente ma mica ha ucciso qualcuno. E ricorda uno fa successo proprio con le vostre critiche e con voi che comprate il suo libro. Appunto perchè è uno scandalo tutti comprano il suo libro e pronti a criticare. Ma non sai che con un largo numero di vendite si può sbarazzare uno scrittore di grande talento che scrive però di filosofia? Perchè ditemi chi tra voi ragazzine acquista un libro di Larry russell o piuttosto di Bertrand Russell, un grandissimo filosofo recente.Dimmi, chi?
          > sono determinata a realizzare i miei progetti
          21 luglio 2005, di : dony

          non credi di aver detto una crudeltà...non credo i serial killer servano a qualcosa nè tanto meno a "punire"(secondo la tua visione)la libertà di parola...a prescindere da quello che è stato detto resta pur sempre un esperienza personale resa pubblica attraverso le pagine di un libro..e per concludere mi chiedo:e se quel serial killer invece di incontrare e "punire" melissa incontrasse te? o per sbaglio o solo perchè un serial killer non agisce secondo un criterio..
          > Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
          19 giugno 2006, di : Emanuele

          Sentire cose di questo genere è orripilante, neanch’io penso che questo libro abbia valore,pertanto credo che non vada nemmeno poi così considerato,ma,per l’amor del cielo, queste turpi volgarità non si possono sentire,lo schifo raggiunge poi il culmine quando gravi vengono sputate condanne.E’ paradassola farsi difensori in questo modo,della cultura.VERGOGNA!!! e ravvedetevi
        > Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
        4 gennaio 2005, di : carmelo siciliano rincrentino

        WHAHAHAHAHHA Madonna sapevo che in sicilia le donne erano puttane ma non a questi livelli,, penso che sta melissa sia una bella gnocca e penso che gli darei mille colpi, penso che il suo libro è una gagata nonostante io non l’abbia letto.. perche!? Perchè va contro la mia falsa morale di cui vado fiero,,,

        Non avete capito nulla.. bhè avete invidia di sta melissa e basta ripeto per me èuna gnocca e una GIOIA ma non si può dire che non sia un’inteliggente, no questo non lo si può dire. Mlissa

        > Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
        6 gennaio 2005, di : ally

        Non penso che i progetti di Melissa siano di prendere più cazzi possibili, solo di rifarsi una nuova vita! Perchè dovete criticarla?Lo so ha fatto alcune cose che poteva evitare..però tutti possono sbagliare nella vita! In fondo quello che cercava era l’amore che nessun ragazzo aveva saputo darle, poi si è accorta che lo stava cercando nel modo sbagliato, ed è cambiata! Mi sembra troppo facile criticarla per quello che ha fatto,non sto dicendo che ha fatto bene, però è stata sicuramente un’esperienza che l’ha fatta crescere.
        E tu?
        7 luglio 2005, di : Debby

        Cara Turbo, perchè dici che i talenti dei grandi scrittori vengono subordinati al successo di Melissa P.?Non è affatto vero.L’uomo scrive per se o per trasmettere la propria esperienza agli altri uomini...o anche per riscuotere successo, perchè chi pubblica i propri libri senza pensare al successo? E poi perchè dici a Melissa di farsi una visita ginecologica e di andare a scuola? Per scrivere queste cose ci vuole un bel coraggio e soprattutto bisogna saperle scrivere con passione ma anche con un pizzico di razionalità, quindi penso che a scuola Melissa vada già.Che dici?
        > Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
        20 giugno 2006, di : Marco

        ...secondo me la grande qualità di Melissa non è la capacità di darla via facilmente bensì quella di avere una grandiosa immaginazione...e i giusti contatti e conoscenze per scrivere,pubblicare libri...e farci sopra anche un film...
        > Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
        28 giugno 2006, di : luisa

        I soldi, i soldi e ancora i soldi e, naturalmente il successo!! Ecco cosa c’è alla base di tutta la faccenda!! Furbacchione chi ha inventato Melissa e grulli quanti hanno comprato il libro..anche io!
        > Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
        1 novembre 2006, di : bionda

        ma perfavore! io ho letto illibro ben due volte...è davvero bello...e poi tu ke kazzo ne sai della vita d melissa??semplicemente rakkonta la sua vita e le sue esperienze,e anzi l ammiro xke ha avuto le palle di raccontare la vertià..melissa non è una puttana cretino! e cmq allora milioni d italiani sono cretini xke hanno comprato il libro o visto il film???mah....sei un povero coglione
      > Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
      5 maggio 2004, di : hooverine

      puoi darmi il link dell’articolo di cui parli? grazie
    > Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
    26 marzo 2005

    State tutti andando nella direzione sbagliata, qui una mattina un furbo si è svegliato e ha detto come faccio a fare i soldi, cosa và ora in tv? il reality, belle donne sempre più spogliate, ok sfruttiamo il lato guardone della gente scriviamo un libro che tocca le fantasie più intime di ognuno, che crei scandalo così tutti ne parleranno e lo vorranno leggere anche solo per curiosità e poi troviamo un volto che renda tutto verosimile, ecco come è nato questo libro, un furbo e tanti tantissimi idioti che se la sono bevuta, non mi sorprenderei se tra poco verrà pubblicata la storia scabrosa di un gay che racconta le sue avventure e tutti correranno in libreria.

    Meditate gente meditate.

    Luca

    > Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
    21 aprile 2006, di : valentina

    io amo melissa, la ammiro per tutto ciò che ha fatto!in verità non ha fatto nulla di straordinario è una ragazza normale che ha avuto il coraggio di raccontare..tutti siamo rimasti scandalizzati da ciò che ha scritto ma è una realtà che esiste e tutti la nascondono..sinceramente fin quando non ho letto "in nome dell’amore", l’ultimo capolavoro di melissa,credevo che fosse una ragazza comune e con poca intelligenza pronta a scrivere dei libri solo per farsi notare..ma con quel libro mi ha colpito..ha saputo trattare problemi attuali con sicurezza di se pensando agli esseri viventi come persone e non numeri..ha saputo cogliere il frutto di ogni problema e risposto nello stesso modo che avrei fatto io..spero solo che continui così perchè ha saputo raccontare la vita che le figlie di papà svolgono ogni giorno..brava Melissa non fermarti mai e sappi che voglio riempire uno scaffale con tutti i tuoi libri quindi continua a scrivere..
    In risposta a "PAESE DI IGNORANTI"
    20 giugno 2006, di : Marco

    La società considera bravo l’uomo che si fa tante donne,viceversa puttana una donna che si fa tanti uomini x un semplice motivo: quanto è difficile per una donna (anche bruttina) trovare un uomo disposto ad andarci a letto?...e quanto è facile per un uomo trovare una donna che sia disposta a fare sesso?La risposta è insita nella domanda...
    > Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
    28 giugno 2006

    Sei troppo carina e dolce tvb
> Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
24 aprile 2004

Ho letto il libro,non voglio offendere la cretinetta che ha buttato giù queste paginette deliranti da ragazzina in crisi adolescenziale stile dawson creek e altri filmettini americani, ma voglio prendermela con chi le ha permesso di fare tutto questo, cioè i celebrolesi della casa editrice che hanno pubblicato questo pseudo libro e quelli della televisione e i giornalisti che hanno alimentato un caso da LORO definito letterario ... puah!!c’è davvero una crisi editoriale se vi accontentate di così poco ... avesse doti di narratrice poi capirei, ma linguaggio elememtare da psicolabile, modi di fare da gran diva e tanta tanta ignoranza ...
    > Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
    27 aprile 2004, di : cholos.................

    sei tanto bravo a criticare intanto quella ragazza ha scritto un libro che ha venduto in tutta italia da nord a sud a soli 16 anni e tu invece? che fai tanto il moralista sei veramente migliore di lei? lei è riuscita in quello che voleva, tu critica di meno e pensa di più, la casa editrice è riuscita ad alzare tanti soldi con quel libro, e tu li chiami stupidi, ma non è che lo stupido sei tu?
      > Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
      16 luglio 2004, di : Mastin

      Ahhh ! non è stupida Melissa perchè è riuscita a vendere molte copie . Ma che cazzo dici ! Tutti possono farlo. Prova a scrivere un libro dove dici che hai ucciso tante persone , o uccidi una persona ,vedi come sei famoso e quanti scriveranno di te. Ti consiglio questo : ricorda che se uccidi una persona diventi criminale , provane a uccidere un milione chissà, che magari diventi un conquistatore. Ma fatemi il piacere ! Oggi per attirare l’attenzione, bisogna fare come Melissa ? Forse si perchè la civiltà è corrotta e malata , come lo dimostrano tutte quelle teste di cazzo pervertiti che hanno comprato il libro , facendo diventare famosa e ricca una zoccola . Questo è preoccupante meditate e riflettete. Ma i genitori non dicono niente , eppure in Sicilia sembrava quasi che le donne dovessero andare in giro col velo , ma mi sono sbagliato , ed eccone l’esempio !!!!
    > Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
    27 aprile 2004

    senti in effetti é facile criticare gli altri e cmq la storia é molto realistica,se per te i problemi di un adolescente sono da telenovela non so cosa pensarne,so solo che esistono le ragazze che hanno questo genere di problemi e se sei un/a padre/madre,non x condannare i tuoi figli, ma controlla meglio xké non sono problemi solo del sud....
      > Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
      2 maggio 2004

      La storia, devo ammetterlo, mi é sembrata un po’ inverosimile o, quanto meno, un po’ gonfiata. MA questo non vuol dire nulla... Qui si sta badando troppo alla superficie, senza cercare di approfondire la lettura, e magari ad arrivare a capire che quei sentimenti, quel dolore di fondo, quella sensazione di oppressione che talvolta può trascinare in una spirale senza fine di dolore ed umiliazione, sono condivisibili. E non solo da ragazze... ITF
        > Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
        11 gennaio 2005, di : lull4by

        ma vergognatevi tu e quella puttana ke ha scritto il libro!
> Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
25 aprile 2004, di : Pidis17

questo libro puó sembrare falso...sopratutto se s’é un adulto e non si vive in Sicilia...ma per me che sono una ragazzina di 16 anni che vivo all’estero e torno ogni estate a trovare i miei nonni proprio in un paesino vicino a Catania só qual’é la veritá!In effetti leggerlo m’ha fatto impressione,ma nello stesso tempo ero quasi felice di vedere che un destino del genere non tocca solo alle mie due care amiche in Sicilia...eh giá quello che puó sembrare una storia inventata ed esagerata,purtroppo é la cruda realtá...e non sono solo le mie amiche a esserne colpite dato che quasi tutte le ragazze della mia etá lí hanno questo comportamento...riescono cmq a mascherare bene i loro modi di fare perché i padri non ne vengono mai a sapere niente...le madri invece spesso sanno di tutto questo ma non agiscono... melissa non é stata l’unica ragazza a dover fare certe esperienze alla ricerca dell’amore e proprio la mia amica ha fatto la stessa cosa qualche giorno fa,ha dato il suo corpo per trovare il vero amore,questo per l’ennesima volta...sperando che finalmente la sua ricerca sia finita vi saluto...
    > va fann...
    13 agosto 2005, di : fabiola

    penso che quella amica di chi parli sei tu stessa, e fai finta, puo essere che in sicilia le ragazzine abbiano le mutande per terra, ma non vuol dire che dovete prostituirvi per cacciare l’amore...sembra una canzoneta , l’amore, l’amore, per amor dono il mio culetto, lo do su e giu, per l’amore,e cosi siete tutte col culo rotto...e anche fate finta di teenegers incomprendite...
    Ma dai..
    10 settembre 2005

    Bhe si vede che non abiti in sicilia..io sono una ragazza di 18 anni e abito a catania,la mia città natale..non è assolutamente vero che le cose vanno così,tutto sta a come ci si comporta,a come ci si vuole comportare.Melissa secondo me è un pò..come dire...facile,perchè ha scelto tutto questo,anzi se leggi attentamente,si capisce perfettamente e lo dice lei stessa,che lo fa perchè non le interessa l’amore..lo fa per soddisfare il suo desiderio..quindi non prendere come riferimento le povere ragazze della sicilia,perchè non siamo ai tempi delle lupara!!! non sto criticando il libro perchè è scritto bene e Melissa ha una bella fantasia..non dite che è tutto vero perchè alcune cose sono davvero impensabili!!!!
> Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
24 maggio 2004

Ho iniziato a leggere il libro di Melissa otto giorni fa a casa di un’amica, per caso. Ho avuto il tempo di leggere solo poche righe, ma dato l’interesse che mi ha suscitato,mi sono precipitata a cercarlo il giorno seguente. Per la settimana successiva non sono riuscita a trovarlo..in tutte le librerie era esaurito. Finalmente ieri l’ho trovato. Vorrei dire a Melissa che ho apprezzato molto la sua storia, ammesso che sia tale, dato che non sono documentata sul fatto che sia frutto delle sue fantasie o autobiografia, ma direi che per avere 17 anni e saper descrivere certe situazioni ed emozioni dovra’ pur averle vissute. In ogni caso, ripeto, ho apprezzato la lettura, il modo in cui descrive di vivere il sesso (nonostante penso che a Laura Palmer gli faccia un baffo!!!..e questo non e’ un cattivo giudizio ma un commento...)Inoltre credo che abbia buone capacita’ di lessico e di coinvolgimento verso il lettore. Come ultima cosa, vorrei dire a tuti i moralisti del cazzo: invece di passare il tempo a giudicare una ragszzina che con la sua esperienza e le sue capacita’ di scrittrice, ha saputo realizzarsi, anche facendo parlare voi... imparate quello che di buono ha raccontato sull’amore, sul sesso...e fatene piu’...mi sembrate un po’ frustrati... Sara, 26 anni; Reggio Emilia.
    > Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
    29 luglio 2004

    infatti per una raga normale è veramente difficile giudicare.non credevo che gli ormoni potessero fare ciò.bisogna stare attenti a 16 anni!
    > ma chi è moralista?
    13 agosto 2005, di : fabiola

    mah anche hai la faccia tosta ragazzina di 16 ma il tuo culo ha piu di trenta, ma che moralista ne parli? ci frega il fatto che quella putanella (ed è il tuo mito, che si vede che anche è stata la tua amica del cazzo), adesso sia un culto per tutti gli stronzi che come te la difendono, la chiamano adesso la scrittrice...mah che cazzata, ci vuole poche neurone per parlarne di qualcosa di bello sl libro, va bene che scribe le sue cose, siano vere o una fantasia, ma non penso che deva anche farsi un film sul libro, e diventare rica a una stronza che le piace dare il culo perfino a i suoi... ma per piacere a vai a la scuola insieme a lei.. (qualche parolacia mal scrita, scusatemi , sono spagnola) ma c’e la intenzione di far capire a quella ragazzina stronza che non va bene cosi...
molto bello
15 giugno 2004, di : ste_RSS

Io sono uno che non legge libri. Il libro di Meli mi ha incuriosito parecchio e l’ho letto tutto di un fiato tra ieri sera e stamattina...giusto per la cronaca, avro la maturità tra due giorni, e di tempo da perdere non ne ho: il libro mi ha davvero colpito e mi ha impedito di fare altro... mi sono completamente immedesimato in lei, l’ho compatita, l’ho invidiata per essere così volenterosa ad amare. Non mi interessa se la vicenda sia vera o meno: se è vera, Melissa si è rivelata in fin dei conti una donna forte,capace di perseverare nel suo intento anche a costo di ricevere batoste non indifferenti.... se invece la vicenda non è realmente accaduta, mi complimento con Melissa per essere stata capace alla sua età di inscenare una vicenda così verosimile e coinvolgente sotto tutti i punti di vista...sarebbe in tal caso davvero un caso letterario....
    > molto bello
    2 ottobre 2004

    Se non "leggi libri" la maturità come intendi prenderla? La lettura è "una perdita di tempo"? E leggi melissa P? E’ proprio vero che la madre degli imbecilli e’ sempre gravida.
    > non sai quello che dici
    13 agosto 2005, di : fabiola

    ma per piacere, di cosa parli?, si vede che mai hai letto un libro vero, che sei cosi morbosa che hai devorato il libro in una giornata, che sei cosi invidiosa de la melissa che adesso lo dice sul foro, ma quello indica che sei anche tu una putanella nascosta, che ti piacerebbe essere tanto volgare come lei..ma chi se ne fregga che sia vero o falso quel libro del cazzo, se c’e gente come te che con tanto morbo potrebbero scribire cento di piu..approfita anche tu, de la tua voglia di sesso insodisfatte, e magari anche saresti tu la prossima "scrittrice di Italia"...
> Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
29 luglio 2004

ma ke libro hai scritto!mi fai paura!e come direbbe la mia prof............stai infuocata!mamma mia!
> Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
7 settembre 2004, di : Fides

Melissa p.... caspita.... che dire di questa creatura? Il libro è scritto maluccio da un editor malandato, se le cose che racconta sono vere e se è come dice chi ha commentato prima di me, ovvero che le ragazze catanesi sono tutte così.... beh, se farsi trattare come delle bambole gonfiabili piace loro, perchè impedirglielo? ben venga! Ma se non è così per tutti, come non credo che sia, perchè sinceramente, pur non essendo mai stata una santa, e avendo avuto relazioni solo sessuali, senza coinvolgimnti emotivi di sorta, non mi è mai capitato nemmeno di rischiare di giocare a fare la terra e i vermi (per usare un’espressione dell’autrice) con 5 uomini. Ma quel che più mi sconcerta, più della perversione, più della perenne voglia di cazzo che ha questa ragazzina, più dei suoi squallidi ormoni, più delle banalità e dei clichet che si trovano dentro questo libro, è il fatto che parte, ancor prima di iniziare a raccontare, con le giustificazioni di ciò che sta per fare. Sostiene di cercare l’amore. Questo è ridicolo. Se ammettesse che farsi sbattere dal mondo le piace, risulterebbe tutto più simpatico, squallido sì, ma possibile. E invece no, se ne esce con questo patetico clichet. Ma chi, a 15 anni crede che farsi additare per strada come la più gran troia d’italia sia la via per trovare l’amore? Perchè questa creatura a 15 anni non conosce ancora l’esistenza della parola no? Perchè questa tipa è così pateticamente stupida?
    > ma certo
    13 agosto 2005, di : fabiola

    con questo libro la melissa ha fatto uno scandalo in tutta italia, e mi dispiace per voi italiani, noi che siamo spagnoli ed abbiamo tanti scrittori famosi, e veramente di culto, mi dispiace per voi che essendo italiani, ed abbiendo un mito scritore come Dante di Ailigieri, venga questa putanella a farsi credere scrittrice e passegiare tutta la italia con questo libro del cazzo sotto il braccio, ed a sentirsi un essempio de la giunventu..ma che dice?...grazie a dio non tutte i giovanni non siamo come lei, che con la scusa finta di cercare l’amore ci diammo perfino ai prete...e questo è pura scusa, in verita le piace tanto i cazzi come scribere..
> Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
24 settembre 2004, di : paola ’84

ho letto oggi il libro di questa "grande"(ovviamente sarcastico)scrittrice; sinceramente non so cosa credere se le storie raccontate siano vere o false...ma se fossero false, xkè rovinarsi la reputazione così?(è anche vero che gli animali non hanno reputazione!)E se fosse vero perchè la i genitori non si vergognano di una figlia come lei? è anche vero che i genitori hanno i figli che si meritano!io il libro non l’ho comprato per fortuna...solo una cosa non ho capito ma l’hanno pagata o no x i servizietti?se la risposta è no allora è per questo che ha "fatto scrivere" il libro!!!!!!!!!!almeno ci guadagnava....

P.S. il libro sicuramente non è stato scritto da lei ma pensato da qualcuno che sa come scrivere...non solo per quanto riguarda il piano stilistico quanto per i concetti "profondi"... và chiamiamoli così...

    la bellezza è morta
    4 ottobre 2004

    ho 27 anni e ho conosciuto tante ragazze come melissa anche se non esageratamente giovani come lei

    sono stufo di trovarmi davanti sempre la stessa figura di ragazza intelligente vogliosa di fare esperienze senza coinvolgimento affettivo

    se ho bisogno di una troia la trovo a 20 euro a mezz’ora da casa mia

    > Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
    23 dicembre 2004

    Secondo me il libro è stato scritto da una ragazza di anni diciassette che vive in Lombardia, che è estremamente intelligente e sensibile.
    > Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
    4 febbraio 2005, di : Silvia85

    Premetto che non ho letto il libro e mai perderò del tempo leggendo questa trovata commerciale. Io scrivo, trascorro tutto il pomeriggio in compagnia dei fogli di carta e della penna, vivo per scrivere: campo solo di scrittura; e credetemi mai pubblicherei qualche cosa solo per il gusto di fare soldi e tanto meno andrei in tv a vendere la mia immagine.E’ facile narrare le proprie esperienze sessuali, molto più difficile risulta narrare quelle interne dell’anima e della psiche... Purtroppo siamo nell’era del consumismo, dei reality show e dei "libri" commerciali...
> Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
18 ottobre 2004

...Quest’ estate ho letto il libro, mi ha appassionata lo ammetto, in alcune parti mi ci sono anche identificata, sono una ragazza di 15 anni calabrese, ho avuto le mie esperienze, ma con chi so io, secondo me è giusto viverle ma è sbagliato viverle con chiunque, il libro d melissa mi ha fatto comprendere che non sono la sola adolescente assillata da questi problemi, ogni qual volta che un ragazzo che mi piace ricambia e ci "prova" io mi ritrovo davanti un bivio: Farlo o non farlo? Bhè...dopo che ho letto questo libro so sempre cosa fare, quando è no e quando si potrebbe, insomma se si legge superficialmente traspare solo la storia di una ragazzina di facili costumi, ma se si legge più approfonditamente si scopre il dolore e l’amarezza che ha nel farlo! Lei "fa" solo per piacere agli altri. Arriva ad un punto che non ha più rispetto per il suo amatissimo corpo...io la penso così! Ringrazio Melissa per avermi fatto capire anche questo senso della vita...
    > Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
    23 dicembre 2004, di : gino

    quello che dici è interessante
    > Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
    23 dicembre 2004, di : gino

    quello che dici è interessante.
    > Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
    2 maggio 2006

    Ma che dici? se la pensi cosi vuol dire che non sei da meno... Melissa ha detto chiaramente di essere una fin troppo facile e che non è capace di amare. Se mai troverà un ragazzo che le farà perdere veramente la testa e che la farà innamorare stai pur sicura che capirà che non si vive per sesso!!! Essere amata ti fa sentire molto meglio di essere solo scopata!!! Ciao ciao...La diciasettenne
> Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
17 gennaio 2005, di : FilexS

Sei calda come l’estate, sei bella come un fiore di primavera, i tuoi occhi sanno di un leggero brivido di tramonto, la tua pelle è soffice come il vento che sfiora i petali di una rosa, la tua bocca sa di un triste sorriso come una lacrima sul viso, il tuo nome è MELISSA il tuo cuore è un dono la tua anima è scolpita nel profondo, l’abbandono luccica di un riflesso cupo Vola Angelo nell’immensità dell’universo, segui il tuo amore, spalanca le braccia domina il tuo regno, il tuo mondo non voltarti indietro, vivi fino in fondo!
a Melissa con affetto...spero he tu possa leggere queste frasi inondate di malinconia con i tuoi bellissimi e sensibili occhi che il signore ti ha donato, x guardare oltre la vita!
17 gennaio 2005, di : FilexS

Stella cadente, il fuoco è ardente, esplode un subbuglio sessuale, un grido di grazia un urlo di paura, un segno al di sotto dell’aspetto, un leggero fischiettio, come se nulla fosse accaduto, la libertà ti lascia sognare, con una mano, uno sguardo controlli tutto, ti fermi e torni, giri e vai, continua a volare luce, non ti fermare mai...!
> Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
3 febbraio 2005, di : alessandro_eam

Ciao Melissa, dunque hai scatenato un casino della madonna facendo incavolare di brutto tutte le tue coetanee e non solo per quello che oggi rappresenti ,vuoi o non vuoi sei la fantasia proibita,l’oggetto del desiderio dei fidanzati che magari a letto o da qualche altra parte si annoiano a fare sesso e vanno in paranoia perché le loro emozioni terminano miseramente in quella vita di routine colmata da qualche pizza il sabato sera e nulla più. Spero che ti sfiori l’idea che qualcuno ti possa vedere come una semplice amica con la quale confidarsi e nulla più, purtroppo siamo nella bigotta Italia, e non capisco questa storia del forum dove tutti ti giudicano, alcuni bene altri male per quello che vuol significare, tutti stereotipati da quella fissa di cultura che si portano dietro senza pensare, senza riflettere, vedendo tutto come predestinato, statico, non considerando le varianti della vita, di questo mondo. Non credo nei giudizi sulle esperienze della gente, come delle tue, se io fossi un amico ti terrei a cuore o a distanza solo in base alla tua lealtà nei miei confronti, il resto sono solo chiacchiere. Ho trovato tanta dolcezza in ragazze con una cattiva reputazione, quanta acidità ho potuto riscontrare in quelle cosiddette per bene, insomma il mondo pare sottosopra, credo più semplicemente che le regole scritte dall’uomo sino per lo più contro natura, tralasciano troppo l’interiorità e sono rigide e sfiancanti e alla fine sono fatte per essere violate. L’errore essenziale di tutti è stato quello di giudicarti, senza capire che tu sei stata una eccezione che permette a molti di autodefinirsi “ normali “, stai vivendo la tua vita, sei sfuggita al controllo della società pianificata, sei libera senza catene. Non sono tuttavia rimasto impressionato dalle tue esperienze e da come le hai vissute, ma da quello che sostieni e su come tu sei umana e imperfetta. Melissa, proprio tu, variante di questa sonnecchiante società, non credi che esistano altre anomalie tra gli esseri umani? Ti sbagli, generalizzando i tuoi pensieri sugli uomini, alla fine hai giudicato anche me, E’ POSSIBILE AMARE PRESCINDENDO DAL CORPO, è davvero possibile, ho scoperto per caso questo lato di me un anno fa e non ti nascondo la mia confusione durante quel periodo, io che fino ad allora facevo amicizia con le ragazze per provarci prima o poi, mi sono accorto di amare una persona per quello che era, pur essendo consapevole di poterla sedurre in qualsiasi momento, non l’ho fatto, sono riuscito a provare piaceri diversi e neanche paragonabili ad un orgasmo, insomma avevo una sorta contraddizione dentro, tra pace e fermento. Amavo quando lei mi sorrideva, quando passeggiavamo, quando mangiava un gelato per strada, quando stavo in disparte a osservarla mentre prendeva in giro i suoi spasimanti, se l’avessi sfiorata fisicamente avrei fatto cessare una magia . Mi feriva il fatto che tutti i miei amici mi prendevano per stupido perchè non facevamo sesso, mi sono fatto anche la ragazza di un mio amico per ripicca per quanto questo mi rompeva, mi sentivo solo, un animale in cattività. Ho avuto con quella ragazza un percorso inverso al tuo e forse per questo comprendo le tue scelte di vita, visto che non ti osservo da un limbo, ma da un punto di vista diametralmente opposto e provo sdegno per la gente che ti misura, ti condanna, ma la forza dei grandi a volte si valuta dal numero dei suoi nemici, in questo caso è meglio dire dai propri detrattori, avrei voluto comunque avere un’amica come te, un misto,di disorientamento, insicurezza e molta genialità per quello che hai scatenato . Vivi la tua libertà, hai qualcosa dentro che mi affascina,non so come descriverlo, diciamo una metà strada tra la poesia “ an american prayer” ed un bicchiere d’assenzio mentre lentamente viene versato. Quando dicono che la tua storia è inverosimile poi, ma in ke cazzo di mondo vivono sto pugno di repressi e con le bende davanti gli occhi! Ah dimenticavo, sono un semplice studente della facoltà di agraria di 26 anni, un ignorante in letteratura a volte felice di esserlo, per non essermi mescolato tra quei studenti che giocano a fare i critici letterari e inveiscono contro te solo e soltanto per l’invidia della tua notorietà raggiunta,non so se leggerai questo messaggio, mi raccomando, non diventare mai quello che gli altri vogliono farti diventare, libertà prima di tutto! Alessandro_eam@yahoo.it oppure Alessandro_eam@virgilio.it
> Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
4 febbraio 2005, di : alessandro_eam

Ciao Melissa, dunque hai scatenato un casino della madonna facendo incavolare di brutto tutte le tue coetanee e non solo per quello che oggi rappresenti ,vuoi o non vuoi sei la fantasia proibita,l’oggetto del desiderio dei fidanzati che magari a letto o da qualche altra parte si annoiano a fare sesso e vanno in paranoia perché le loro emozioni terminano miseramente in quella vita di routine colmata da qualche pizza il sabato sera e nulla più. Spero che ti sfiori l’idea che qualcuno ti possa vedere come una semplice amica con la quale confidarsi e nulla più, purtroppo siamo nella bigotta Italia, e non capisco questa storia del forum dove tutti ti giudicano, alcuni bene altri male per quello che vuol significare, tutti stereotipati da quella fissa di cultura che si portano dietro senza pensare, senza riflettere, vedendo tutto come predestinato, statico, non considerando le varianti della vita, di questo mondo. Non credo nei giudizi sulle esperienze della gente, come delle tue, se io fossi un amico ti terrei a cuore o a distanza solo in base alla tua lealtà nei miei confronti, il resto sono solo chiacchiere. Ho trovato tanta dolcezza in ragazze con una cattiva reputazione, quanta acidità ho potuto riscontrare in quelle cosiddette per bene, insomma il mondo pare sottosopra, credo più semplicemente che le regole scritte dall’uomo sino per lo più contro natura, tralasciano troppo l’interiorità e sono rigide e sfiancanti e alla fine sono fatte per essere violate. L’errore essenziale di tutti è stato quello di giudicarti, senza capire che tu sei stata una eccezione che permette a molti di autodefinirsi “ normali “, stai vivendo la tua vita, sei sfuggita al controllo della società pianificata, sei libera senza catene. Non sono tuttavia rimasto impressionato dalle tue esperienze e da come le hai vissute, ma da quello che sostieni e su come tu sei umana e imperfetta. Melissa, proprio tu, variante di questa sonnecchiante società, non credi che esistano altre anomalie tra gli esseri umani? Ti sbagli, generalizzando i tuoi pensieri sugli uomini, alla fine hai giudicato anche me, E’ POSSIBILE AMARE PRESCINDENDO DAL CORPO, è davvero possibile, ho scoperto per caso questo lato di me un anno fa e non ti nascondo la mia confusione durante quel periodo, io che fino ad allora facevo amicizia con le ragazze per provarci prima o poi, mi sono accorto di amare una persona per quello che era, pur essendo consapevole di poterla sedurre in qualsiasi momento, non l’ho fatto, sono riuscito a provare piaceri diversi e neanche paragonabili ad un orgasmo, insomma avevo una sorta contraddizione dentro, tra pace e fermento. Amavo quando lei mi sorrideva, quando passeggiavamo, quando mangiava un gelato per strada, quando stavo in disparte a osservarla mentre prendeva in giro i suoi spasimanti, se l’avessi sfiorata fisicamente avrei fatto cessare una magia . Mi feriva il fatto che tutti i miei amici mi prendevano per stupido perchè non facevamo sesso, mi sono fatto anche la ragazza di un mio amico per ripicca per quanto questo mi rompeva, mi sentivo solo, un animale in cattività. Ho avuto con quella ragazza un percorso inverso al tuo e forse per questo comprendo le tue scelte di vita, visto che non ti osservo da un limbo, ma da un punto di vista diametralmente opposto e provo sdegno per la gente che ti misura, ti condanna, ma la forza dei grandi a volte si valuta dal numero dei suoi nemici, in questo caso è meglio dire dai propri detrattori, avrei voluto comunque avere un’amica come te, un misto,di disorientamento, insicurezza e molta genialità per quello che hai scatenato . Vivi la tua libertà, hai qualcosa dentro che mi affascina,non so come descriverlo, diciamo una metà strada tra la poesia “ an american prayer” ed un bicchiere d’assenzio mentre lentamente viene versato. Quando dicono che la tua storia è inverosimile poi, ma in ke cazzo di mondo vivono sto pugno di repressi e con le bende davanti gli occhi! Ah dimenticavo, sono un semplice studente della facoltà di agraria di 26 anni, un ignorante in letteratura a volte felice di esserlo, per non essermi mescolato tra quei studenti che giocano a fare i critici letterari e inveiscono contro te solo e soltanto per l’invidia della tua notorietà raggiunta,non so se leggerai questo messaggio, mi raccomando, non diventare mai quello che gli altri vogliono farti diventare, libertà prima di tutto! Alessandro_eam@yahoo.it oppure Alessandro_eam@virgilio.it
    > ecco un inamorato
    13 agosto 2005, di : fabiola

    ma sul serio credi sulle cose che scribe il tuo mito melissa su quel libro? ma che fai?.. tutto es bussines..il sesso vende no? adesso vuoi piangere lo stronzo che sei stato con la tua prima ragazza che adesso vuoi fare diventare un eroe a una ragazza che si fa tutti i cazzi in una giornata?..mi dispiace per te..sei cosi ingenuo, e anche cosi ignorante che dici che non ti piace la lettura, ecco perche ti ha piaciuto el libro, ma per carita non scribere tante righe, che alla fine ne anche la melisa sarebbe scioca da risponderti..e per la prossima smettila di essere un bastardo con le ragazze, pensa che anche loro hanno un cuore da consegnare limpidamente...
> Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
20 febbraio 2005, di : Skynet

Ma da cosa deve fuggire questa ragazza? da cosa deve "rifarsi una vita" se nemmeno ha 20 anni? vogliamo rendere questo "romanzo" un servizio umanitario? difficile comprenderne il fine commerciale? il successo si ottiene spennando i gonzi; e il modo migliore di farlo è afferrarli per le palle (debolezze). da sempre gli esseri umani sono fatti per fottersi e uccidersi a vicenda: fare del MALE, odiare, è intrinseco del genere umano, quanto il soddisfare la fame e le passioni. Non so se Melissa sia realmente l’ autrice, a 16 anni le esperienze descritte appaiono un po’ eccessive e anche abbastanza oniriche. Il prodotto è di indubbia originalità. Tuttavia, l’innovazione risiede non nel semplice "scrivere sesso in un libro", ma nell’ aver intuito che nessuno sia stato tanto sveglio da pensarci. e sopratutto dai risvolti che possono derivarne. La giustificante "ricerca dell’ amore" che avrebbe spinto Melissa a questa pubblicazione, ne mette in dubbio la maternità stessa: l’età in questione dovrebbe essere più quella della curiosità per le esperienze, che per la ricerca struggente di un sentimento unico.
> Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
20 febbraio 2005, di : Mad Max

Non capisco come si può dire "questa ragazza ha capito che ricercava l’amore nel modo sbagliato"! Questo libro pare un manuale di uso e manutenzione. Dove sta l’ anima di questa persona, ferita dagli uomini tanto cattivi e arrapati? Questa autrice non è una "martire"!

Cara Melissa, vivo in un paese del sud forse anche peggiore di quello da dove provieni; la misura è stracolma di ragazzette che a 15 anni vogliono atteggiarsi a donnone emancipate, impegnate nella rivincita personale verso i "grandi torti subiti dalla vita"; nonchè nella ricerca dell’ uomo da sposare degno delle tue preoccupazioni; spesso e volentieri tante famiglie vanno allo sfascio, tanti bambini vedono i propri genitori odiarsi. E ciò a causa sia delle debolezze maschili, sia dell’ incoscenza di alcune ragazze del genere, innammorate di uomini sposati. Esistono genitori che davvero distruggono i propri figli con rapporti dittatoriali, trasformandoli in devianti o banditi. Esisterà sempre colui che si accolla colpe di tutti e un altro da non ammettere mai "ho torto". Purtroppo è tutto vero...

Sei riuscita a distinguerti, il successo lo hai ottenuto, sei andata via di casa per operare il salto di qualità, insofferente a tutto. E sopratutto avrai adesso un conto in banca che nemmeno persone di 60 anni, dopo una vita di sacrifici e lacerate dai dolori più grandi al mondo, possono sognarsi. Hai quello che volevi, vivi la tua esistenza, goditi i soldi. Falla finita!

> Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
24 aprile 2005

melissa, se è vero quello che hai scritto nel tuo libro, fatti dire che sei una povera malata di mente. ti ci vorrebbe subito uno psichiatra.
    > Delusa
    19 giugno 2005, di : Linda

    Sono una ragazza di 20 anni che da sempre sogna di fare la scrittrice... scrivo da sempre, come Melissa dice di aver fatto... e scrivo perchè amo farlo, ma soprattutto perchè vorrei raccontare al mondo o solo a chi mi circonda delle storie meravigliose. E sinceramente soffro nel vedere come una mia coetanea, raccontando cose come quelle contenute in questo libro, abbia avuto un così grande successo. Stilisticamente l’ammiro, e ammiro anche il coraggio che ha avuto. Ma il fatto che sia riuscita a pubblicare solo perchè ha raccontato di tutte le sperienze sessuali che ha avuto (alla ricerca di cosa, poi? Non gliel’ha detto il dottore di darla a tutti,se sentiva così ferita)mi colpisce brutalmente nell’orgoglio. Sembra proprio che l’unico modo per essere pubblicati sia quello di scrivere cose pornografiche o scandalose.
> Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
9 luglio 2005, di : andrea

volevo sapere se melissa ha un figlio. inoltre volevo sapere se thomas è il figlio dell’editore che pubblicò il suo primo libro. poi volevo dire appunto che melissa è stata troppo contestata dagli allievi di quell’università io penso che cmq i suoi libri sono parte della letteratura italiana contemporanea forse da definire "letteratura dei giovani" della nuova generazione. i suoi libri hanno un valore letterario ed morale!! fannoi capire tante cose del mondo di oggi!
    > Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
    12 luglio 2005

    mi dite una cosa!! Se una ragazzina di oggi legge quel libro che deve pensare?? Secondo me pensa se quella con tutti i cazzi che ha preso ha fatto tutti quei soldi con un libro lo posso fare anche io.
    > oh viva la ignoranza
    13 agosto 2005, di : fabiola

    ma che dici testa di asnello?..pensi che con quei libri si possano chiamare i libri de la giuventu?, ma sei fumato?, ma sicuramente sei amico della melissa P di puttana, perche con i libri del genere che tu dici e fai riferimento, penso che sei troppo morboso per pensare che tutti siamo come lei da vivere queste sperienze...e anche tu sicuramente le hai vissuto e quindi ti senti identificato...
> Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
17 luglio 2005, di : Taty

Salve a tutti... Ho letto il primo libro di Melissa e diciamo che l’ ho trovato..spiazzante.. Non voglio mettere in dubbio che le esperienze che ha avuto siano veritiere o meno...Sconvolgente è secondo me il fatto che i genitori di Melissa( sopratutto la madre,dato che ho appreso che il padre viaggia spesso per lavoro)non si siano accorti minimamente del degrado in cui stava cadendo la figlia... Cavolo..io posso essere una madre giovanile e permissiva quanto voglio,ma quando vedo che mia figlia torna a casa alle due di notte anche in quelle notti in cui la mattina dopo dovrebbe andare a scuola,qualche domanda me la inizierei a porre...Comincierei a controllare ciò che fa,farei sentire la mia autorità di madre(che comunque,a prescidere dalla giovane età,DEVE esserci)mi arrabbierei,cercherei di farmi dire da lei che c’è che non va... Insomma,non cerchiamo di giustificare tutti e tutti gli atteggiamenti,perchè dopo un pò le giustificazioni vengono meno..La madre di Melissa vedeva la situazione,nel diario è specificato chiaramente in alcuni passaggi,ma si legge altrettanto limpidamente che di questa situazione faceva presto a fregarsene e che si accontenteva delle scuse della figlia,troppo banali per essere considerate vere... Io ho 16 anni,per la precisione quasi 17..Mia madre non è severa ma mi tiene controllata il giusto,vale a dire che mi da la libertà che una persona della mia età si puo permettere...Melissa..ho fatto sesso e non è stato per niente brutale perchè avevo e ho una fiducia immensa nella persona con cui l’ho fatto..ma ovviamente questa fiducia è arrivata per gradi,non c’è stata subito..Non sono certo stata con una persona che mi derideva e che rideva appena le rivelavo i miei sentimenti...forse sarò stata poco precoce,ma io in quel vortice in cui sei caduta te non ci sono caduta...Ho aspettato il mio momento ed era quello che avresti dovuto fare anche te..Quindi i tuoi errori li hai fatti anche te,non è stata solo colpa degli uomini...certo quel padre di famiglia è venuto con te,e lo hai rimproverato perchè aveva due figlie e una moglie...ma anche tu sei andata con lui e il rispetto per le sue figlie qual è stato?!evita di fare morali se non sei in grado di farle,per favore...saluti a tutti e scusate lo sfogo..
    > e tu pensi sul serio che è stato vero?
    13 agosto 2005, di : fabiola

    mah, ci vuole essere cieco per pensarci, pensi sul serio che tutto quello è accaduto sul serio?, mah che dici?...gli scritori hanno la facoltà di inventare, di coinvolgere, perfino convincere...senza dubbio lei ha tanta imaginazione, e se ci sono state delle sue sperienze, mah chi se ne fregga...alla fine i genitori si sarebbero accorti, non pensi...ma adesso con la figlia ricca...chi se ne fraga..pensaranno loro, brava bambina, brava..ecco quello che dicono i suoi...
Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
23 marzo 2006, di : Antony

Non si tratta di definire se Melissa sia una scrittrice o meno. A mio avviso lo è. Infatti un autobiografia è da considerarsi letteratura a tutti gli effetti, per di più quando parla di una realtà sociale vera : il liberismo sessuale. Non faccio discorsi morali o moralistici perchè non mi piacciono e non servono a nulla. Pongo soltanto una domanda : perchè l’uomo contemporaneo non sa più vivere, o difatto vive sempre più raramente, la sessualità nella sua dimensione più bella, più completa e più profonda, quella legata all’amore e all’affetto unione. Perchè l’uomo contemporaneo a smesso di riconoscere l’unicità della persona e così facendo sente il bisogno di accoppiarsi con tanti invece di sentirsi completato in maniera unica e irripetibile dal proprio partner? Non si tratta di legittimare o vietare, dicondannare o giudicare, si tratta invece di comprendere cosa veramente rende felice una persona. Non giudico Melissa perchè posso capire il suo disagio, mi vien da giudicare chi la condanna perchè non toglie quella trave dall’occhio che non gli fa vedere il perchè profondo di uno smarrimento. E poi facciamoci tutti l’esame di coscenza perchè moltissimi sbavano di fronte a certe femmine. Non si tratta di condannare o condannarci, si tratta di capire perchè ci siamo allontanati ed alienati dall’amore sessuo affettivo.
Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
23 marzo 2006, di : Antony

Tuttavia vorrei ancora aggiungere qualcosa. Un libro del genere spero sia vietato ad un pubblico non adulto. Per menti non mature non è certo educativo. La materia che tratta è grave. Può però portare a riflettere gli adulti di dovere sulla gravità della situazione odierna riguardo i sentimenti, i valori, e l’educazione. Questo libro è un monito che ci deve indicare quanto smarrimento e quanta devianza impera nella nostra società. Siamo di fronte ad un problema serissimo, epocale. Abbiamo individui seriamente infettati nell’anima perchè una certa cultura e certi contesti sociali sono alla base di tali affezioni. Prima infatti si promuovono certe aberrazioni e poi è troppo facile dire che i giovani puzzano: questa è ipocrisia. Come! Prima si fa il danno e poi ce la si prende con i danneggiati?
    solo sporcizia...
    24 marzo 2006, di : slot1

    ciao, perdonami ma non voglio in nessun modo sindacare wuello che hai detto, ma quà si parla di LETTERATURA,di liberismo sessuale...ma io non vedo nulla di tutto questo.complice sicuramente il fatto che non ho letto il libro ma ho visto solo il film (e le critiche fanno sembrare che la pellicola non ha nulla a che vedere col libro), secondo me si tratta solamente di una ragazzina che si è fatta prendere in giro da un gruppo di "uomini" che come dici tu, e lì hai ragione pienamente,sentono solo l’esclusivo bisogno dell’accoppiamento derivato dalla mancanza di valori reali.é vero!ma per carità come ho scritto precedentemente ci vuole un pò di rispetto per se stessi in primis...conosco tanta gente che a una mano allungata ha risposto con sonori ceffoni e la storia finisce lì!!!questo non lo scrive nessuno no?...e poi diciamoci la verità:oggi non sono solo gli uomini a cercare solo l’accoppiamento ma anche le donne o ragazze in genere!Un uomo si fà 10 ragazze = film porno, una ragazza si fà 10 uomini = LETTERATURA...ma dai!!!

    p.s:tengo a precisare che non ce l’ho con te.

Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
25 aprile 2006

Sono una ragazza del sud che scrive...Ho letto i libri di Melissa...mi ha colpito un dettaglio: questa subscrittrice, prodotto di una contingenza positiva ma effimera, dice tutto ma proprio tutto (pensieri, scopate) ma, guarda un pò, si dimentica il suo cognome "Panarello". Forse è troppo siciliano e i cacofonici, si sa, sono poco commerciali...Cara Melissa Panarello, ma allora non sei così intera come vuoi sembrarci! Penso tu sia una contraddizione in termini, il tuo successo è come quello di chi vince il Grande Fratello e io, che scrivo e sono stata apprezzata da nicchie intellettuali ahimè poco influenti, spero che un giorno voi scampalattughe, che affollate Roma e la televisione, torniate alle vostre occupazioni...cmq, come minacci tu, spadaccina della pornografia strappa applausi, ci vediamo tra vent’anni...
Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
1 maggio 2006

E’ una vergogna che pubblicano libri del genere! Cjhe schifo! Che schifo lei e tutti quelli a cui paice il suo cavollo di libro! Ce ne sono di persone che soffrono sul serio al Mondo, e voi chiamate questo tipop di prostituaizone un problema?! Un pèroblema, eh?! E gli schizofrenici, i deopressi, i malati di mente, quelli che hanno problemi di salute e di droga?! Loro non sono forse sfortunati rispetto a questa ddeficiente, eh?! Il mondo piuttosto va così, è la prima osa che ho imparato! che schifo!; uno scrive scemenze ed è subito etichettato come un grnade! ci sono autori bravissimi che cercano di pubblicare cose competenti e intelligenti, ci probvano a volte per tutta la vita e non ce la fanno quasi mai, e una come lei invece dopo neanche un anno lriesce a pubblicarloi,. trovand l’EDITORE che l’asdpettava sotto casas per scopare con lei, sicuramente, pur di puvbblicarle il libro! "O mi scopi o il libro non te lo pubblico!"; ve lo imaginate?! Secondo mwe è andata così! Conoscendola per quello che è, dopotutto non deve essere stato così tanto difficile convincerla ... o no?! VERGOGNA MELISSA P., E TUTTE QUELLE COME LEI CHE LO FANNO PERCHE’ VOLGIONO FARLO E NON PERCHE’ SONO SCOSTRETTE A FARLO; CAPITIO?!
Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
8 maggio 2006, di : Antidemocratico

Questo è proprio un mondo di matti... da quando in poi le puttanelle si mettono a fare le scrittrici?! E’ un pò come se un salumiere si mettesse a scrivere dei libri con la pretesa di saperla più lunga di filosofi, teologi e letterati. Melissa P. è una brava Puttana (con P maiuscola!), deve quindi darsi una calmata, ricordandosi il suo vero ruolo e continuando il suo lavoro con tranquillità.

C’è davvero poco altro da dire, ormai lo sanno tutti, in questo mondo pieno di cani e porci una puttanella come lei riscuote tanti consensi. La cosa che davvero non capisco è il perché Melissa si offende se le danno della Puttana... forse, presa dall’arroganza, vuole mettersi a un livello superiore alle altre facendosi chiamare Principessa delle Zoccole?

A voi la risposta.

    L’era delle prostitute "legali"
    12 maggio 2006, di : slot1

    ...penso che le tue parole sintetizzino in modo più o meno appropriato tutto quanto.Sono pienamente con te! Se proprio avete voglia di leggere questa spazzatura, compratevi un giornale porno e la finite là!Il suo libro non è altro che un porno in vendita in tutte le librerie. Senza contare che mettere in vendita libri come questo e porre melissa p. su di un piedistallo, come se fosse una paladina "del cazzo" (mai come ora miglior termine fù appropriato) è molto pericoloso per gli adolescenti che si identificano in lei.Una parola sola: TRISTEZZA!!!

    p.s:Attenti genitori con figlie adolescenti: se vedete che vostra figlia legge ’sto libro...compratele una scorta di anticoncezionali a scanso di sorprese.

Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
21 maggio 2006, di : Eva

"Cara" Melissa...mio cugino di 5 anni scrive meglio di te, e scrive anche cose più sensate. Dovresti lasciar parlare chi DAVVERO ha esperienza della vita e dell’amore...invece di inventare avventure di sesso solo per vendere. Ormai non si scandalizza più nessuno. Credo che durerai meno di Lara Cardella....impara a scrivere, piuttosto!
Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
21 maggio 2006, di : Eva

Il fatto che vali poco lo dimostra anche la mancanza assoluta di un Forum o di una email nel tuo sito ufficiale. Hai paura delle critiche. La tua spavalderia è tutta una finta, come le tue storie di sesso. Cresci!
    Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
    26 maggio 2006, di : tizio qualunque

    Non per dire ma esiste il sito e si chiama:Melissa P-Sito Ufficiale-il Blog. Diamo a Cesare quel che e’ di Cesare.
Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
24 luglio 2006

Io ho letto il libro dopo aver visto il film,ho 17 anni e le mie esperienze le ho avute anche io,come gran parte delle persone normali. Il film mi è piaciuto di + del libro,xkè nel film si da maggior spazio alla Melissa fragile e incompresa,alla ricerca disperata dell’amore. Il libro è più scaltro,più "sporco",nonostante le scene di sesso siano non siano descritte in modo molto volgare(ci sono dei libri come "Vogliua di fragola" che sono penosi al confronto!)ma con termini e con lo stile di un’adolescente che sta scoprendo lentamente un mondo x cui non è ancora pronta,un mondo che non l’accoglie come lei si aspettava. Io tengo un diario da quando avevo 14 anni,un diario dove scrivo tutto...questo è dovuto anche al fatto che mia madre e mio padre non sono mai stati presenti nella mia vita,nonostante siamo una famiglia borghese e i miei mi comprano tutto quello che desidero,io con loro non ho mai parlato.Nel mio diario ho descritto le mie prime esperienze sessuali con ragazzi ceh poi si sono rivelati deludenti o meno...ma se penso al mio diario come un libro mi spavento. Melissa,il tuo diari diciamo che non mi è dispiaciuto,io non ti reputo una puttana,ma una ragazza molto insicura che è voluta crescere troppo in fretta...la cosa triste è che ci sei riuscita...il tuo diario avresti dovuto conservartelo x te e non pubblicarlo con il rischio di essere presa x ciò ke nn sei. Per quanto mi riguarda la pubblicazione del tuo libro si può considerare la tua presa di sicurezza in quel mondo che sotterrava i più deboli,ma io non avrei osato così tanto. Giulia
Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
18 agosto 2006, di : Anna |||||| Sito Web: Melissa P. trovati un lavoro serio

Tanto per chiarire, il blog esiste ma casualmente non funziona o se funziona ogni dieci minuti é "momentaneamente nondisponibile". Questo succede quando il webmaster ci lavora su, per esempio per RIMUOVERE commenti. La zoccoletta pare che possa dichiarare al mondo la sua abilitá nel "la do via come un fresbee" ma non possa reggere i confronti. Inoltre, se vi leggete qualche altro romanzo erotico vedrete che molte cose sono pari pari scopiazzate..questa di collezionare ha collezionato, ma Armony o cazzate del genere, ben pochi cazzi credo. Un pó zoccola é sicuramente, ma é anche una abile a gonfiare la realtá per dio soldo.. ecco, in questo é molto piú una zoccola: non é che se la vendi su carta c’é piú onore che a regalarla dal vivo. Questo libro é uno SCHIFO. È falso, di cattivo gusto, diseducativo, scritto da cani e con lo stesso valore culturale di una velina che sculetta a striscia la notizia. Avete ragione voi, ragazzi che avete scritto molti degli altri interventi, é disgustoso che oggigiorno una zoccoletta qualsiasi prenda la penna in mano e puff! SOLDI!! Che comunque: le vere puttane, quelle povere donne sfruttate che non hanno altri mezzi per vivere, loro avrebbero qualcosa da insegnarci sul dolore e sulla ricerca dell’amore. Non questa ragazzina ipocrita che se fossi sua madre la volerei via di casa!! Libertá sessuale va bene, ma almeno non essere cosí ipocrita da mascherare la tua voglia di cazzo e i tuoi infiniti problemi psicologici per letteratura. MI FAI SCHIFO.
    Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
    19 agosto 2006

    Non mi permetto di dare della puttana a Melissa...ma penso anche che per trovare la persona capace di amare, non sia neccessario scoparsi mezza Italia...
    Intervista a Melissa P. : " Sono determinata a realizzare i miei progetti"
    7 marzo 2009, di : Breeeeeee

    Sono d’accordo con tutti quelli che sostengono che il libro non sia il massimo dal punto di vista letterario, ma perchè molti credono che il contenuto debba essere per forza inventato? Non avete mai sentito parlare di perversioni? E anche se questa Melissa fosse una vogliosa...beh? Di uomini pervertiti che hanno perennemente voglia di figa è pieno...Stupide ragazze noiose, sappiate che i vostri fidanzati sognano una che li faccia godere veramente a letto, una con pochi limiti, una vera PUTTANA. Anche se vi dicono di no. Quelle che criticano la povera Melissa sono delle frigide e gli uomini dei maschilisti. Siete voi che fate schifo!