Sei all'interno di >> :.: Girodivite Network | Cartamenù | Ricettario |

Insalata di riso "Italia"

Il Sud incontra il Nord. E quale posto migliore per incontrarsi se non in cucina?
di Piero Buscemi - mercoledì 24 giugno 2020 - 347 letture

La ricetta che vi proponiamo rientra tra quelle tipiche della stagione estiva, quando tra impegni di tintarelle, passeggiate sugli arenili, ginnastica acquatica e giochi di gruppo, tuffi in mari più o meno cristallini, urla soffocate nei richiami dei bambini che per natura devono sempre fuggire dalle madri e, soprattutto, degustazioni di granite e gelati per domare il caldo e i crampi della fame.

Con un programma giornata così impegnativo, non si può pretendere di trovare anche il tempo per dedicarsi alla cucina e sottoporsi ad una "sauna" casalinga senza il conforto dell’acqua di mare a rinfrescare. Quindi, molti piatti, per coloro poi che preferiscono mantenere la tradizione del pranza della domenica, sono destinati ad essere eseguiti con fretta e senza particolari attenzioni. Questo non può impedire di realizzare qualcosa di succulento e fresco che consenta di dedicare il pomeriggio ad una nuova mezza giornata in spiaggia, tra i colori che il tramonto offre specchiandosi sul mare.

Vogliamo pertanto suggerire una variante della più classica insalata di riso estiva, cogliendo l’occasione per unire i sapori più identificativi del sud e del nord Italia, là dove neanche un libro di storia che ci racconta di garibaldini e sabaudi uniti per lo stesso scopo, è mai riuscito a convincerci del tutto. Fatta questa premessa, di seguito la ricetta.

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

- 300 grammi di riso pesato a crudo (la tipologia è di libera scelta, noi abbiamo preferito il parboleid)

- colatura di acciughe (se non riuscite a passare da Cetara, potete utilizzare qualsiasi proveniente dalle zone di mare di tutta Italia)

- crema di bottarga di tonno (si realizza mescolando olio extra vergine di oliva e la bottarga grattugiata, ma si trova anche in commercio già pronta)

- una manciata di pomodorini secchi tipo pachino

- peperoni arrostiti

- mandorle tostate (la quantità varia a seconda dei gusti)

- tartufo

- un ciuffetto di basilico

PROCEDIMENTO

Dopo aver cotto il riso in abbondante acqua non eccessivamente salata, unire gli ingredienti e mescolare. Se l’insalata dovesse apparire asciutta, aggiungere l’olio. Sbriciolare le mandorle lasciandone qualcuna intera per la guarnizione. Grattugiare il tartufo e profumare l’insalata con qualche ciuffetto di basilico.

Il risultato dovrebbe assomigliare all’immagine sotto riportata

JPEG - 129.1 Kb
Insalata di riso "Italia"

VINO ABBINATO

Volendo mantenere i costi proponiamo un dignitoso vino delle cantine Fazio che con i suoi 12,5 gradi ci sembra un giusto compromesso tra i sapori decisi della nostra insalata e la freschezza di un vino non eccessivamente corposo.

JPEG - 63.6 Kb
’U cantu

Va bene, lo ammettiamo, qualche lettore potrà contestare che tra gli ingredienti del nostro piatto non siano presenti molte specialità del nord Italia, a parte il tartufo (anche se questo fungo è presente in molte regioni meridionali). Ma la nostra premessa voleva evidenziare la possibilità di riunire alla stessa tavola culture, gusti, idee, creatività e quant’altro renda il popolo italiano unico nel mondo, da Predoi a Portopalo di Capo Passero. E poi, a dirla tutta, con i sapori che abbiamo abbinato, pensate che ci possa essere un italiano proveniente da qualsiasi regione non disposto a sedersi per gustarlo?


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -