Sei all'interno di >> :.: Primo Piano | Attualità e società |

Incidente sul lavoro muore operaio dopo tre giorni di coma

PALAGONIA. Dopo le gravissime lesioni interne causate da un incidente sul lavoro, è deceduto ieri notte nell’ospedale Cannizzaro di Catania un operaio di Palagonia dipendente della società elettrica ENEL
di Cesare Piccitto - martedì 20 luglio 2004 - 6668 letture

di Cesare Piccitto

PALAGONIA. Si è spento ieri notte, dopo tre giorni di coma nel reparto di terapia intesiva dell’ospedale Cannizzaro di Catania, Nicola Lagona quarantaseienne operaio specializzato di Palagonia dipendente della società elettrica ENEL. L’operaio giovedi 15 luglio alle ore 12.15 fu vittima di un grave incidente sul lavoro, nella zona in cui stava lavorando in contrada "Parraredda" del territorio di Scordia. Quest’ultimo insieme ai colleghi, mentre effettuava operazioni di manutenzione, è stato colpito da una violenta scossa elettrica che lo faceva rovinosamente precipitare al suolo da una scala appoggiata su un palo dell’alta tensione, circa tre metri d’altezza, battendo violentemente il capo sul marciapiede. Trasportato immediatamente in elicottero all’ospedale Cannizzaro di Catania è stato ricoverato, in gravi condizioni dovute alle lesioni interne, con prognosi riservata. Con il passare delle ore le condizioni sono peggiorate cancellando le, seppur lievi, speranze di miglioramento. Il Lagona non ha più ripreso i sensi da dopo l’incidente, passando dal coma irreversibile al decesso causato da un arresto cardiocircolatorio. La salma verrà consegnata oggi in mattinata alla famiglia, dopo l’ispezione cadaverica del medico legale, le esequie si svolgeranno probabilmente nel pomeriggio di mercoledì 21 luglio presso la chiesa "Santissimo Sacramento della madonna di Trapani" di Palagonia. Nicola Lagona sposato, dopo venti anni di servizio presso la società elettrica, lascia la moglie e i due figli di 17 e 14 anni. Restano da chiarire la dinamica e le circostanze dell’incidente mortale, su cui sta indagando la procura di Caltagirone. Tutti i colleghi e la dirigenza locale dell’ENEL si stringono attorno allo straziante dolore della moglie e dei familiari, manifestando profonda stima per l’umanità e professionalità del loro sfortunato collega.

I tag per questo articolo: | | | | | |

Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -