In quaranta pagine... un australiano ci spiega come allacciarci le scarpe

E allora lì tutti impegnati con esercizi più o meno ginnici a piegarvi e a contorcervi nella speranza di riuscire nella vostra composizione migliore con l’augurio di non trovarle slacciate dopo i primi passi.
di Giacomo Mangiaracina - martedì 12 febbraio 2008 - 2373 letture

E adesso ci allacceremo le scarpe con le formule matematiche

C’è da scommetterci, sicuramente è la cosa che più avete odiato da piccoli. E fra le tante raccomandazioni che la mamma vi faceva prima di uscire ricorderete sicuramente quella di allacciarvi bene le scarpe.

E allora lì tutti impegnati con esercizi più o meno ginnici a piegarvi e a contorcervi nella speranza di riuscire nella vostra composizione migliore con l’augurio di non trovarle slacciate dopo i primi passi.

Ma non è finita qui e noi, oggi che avete imparato, vi chiediamo, un po’ a bruciapelo, in quanti modi lo sapete fare?

Solitamente lo facciamo in due modi ma noi vi assicuriamo che esistono ben 400 milioni di alternative.

Chi si è preso la briga di compiere degli studi su questo “amletico” problema è un matematico australiano – Burkard Polster – dell’università di Monash a Victoria, che a tal proposito ha pubblicato risultati, per l’esattezza 40 pagine, della sua ricerca sulla nota rivista scientifica Nature Polster.

Lo studioso, con rigorose dimostrazioni scientifiche, arriva a preferire le tecniche che elevano il tensionamento orizzontale, verticale ed incrociato e che, se usate insieme, forniscono l’uso meno dispendioso del “merletto”.

Cosa dire allora dei ragazzi che attualmente sembrano preferire non legare affatto i loro merletti, ma li fanno trascinare a terra?


Rispondere all'articolo - Ci sono 2 contributi al forum. - Policy sui Forum -
In quaranta pagine... un australiano ci spiega come allacciarci le scarpe
26 febbraio 2008, di : San Giuseppe

Viene voglia di tornare al mocassino!
In quaranta pagine... un australiano ci spiega come allacciarci le scarpe
3 maggio 2008, di : La madonna

io mi metto le ciabatte