Impressionisti a Catania

Sulla mostra in corso a Palazzo Platamone
par Alberto Giovanni Biuso - jeudi 11 avril 2019 - 1463 letture

Gli impressionisti a Catania

Catania – Palazzo Platamone

A cura di Vincenzo Sanfo

Sino al 21 aprile 2019

ἡ ψυχὴ τὰ ὄντα πώς ἐστι πάντα. Così Aristotele nel Περὶ ψυχῆς (libro III ; 431b, 20) : la mente è in qualche modo tutte le cose. Con la pittura impressionista la mente diventa infatti paesaggi, acque, fiori, crepuscoli, soli, cattedrali, città, umani. Ogni cosa viene filtrata dal tremolio degli istanti, dalla luce dei tramonti, dal riverbero dell’indagine, dalla ποίησις che trasforma i pensieri in enti, i sentimenti in colori, le impressioni in sostanza. L’impressionismo francese è anche la risposta della pittura all’invenzione della fotografia, la quale rese superfluo ogni realismo rappresentativo e indirizzò l’agire artistico verso lo sguardo e non più verso le cose.

La mostra in corso nel bel Palazzo Platamone di Catania si presenta enfaticamente come « la più completa possibile » sugli impressionisti. Così non è. E non perché non siano davvero numerosi gli artisti dei quali almeno un’opera è in mostra ma perché essa è costituita da incisioni, acqueforti, pastelli, piccole sculture. Pochissimi sono gli oli e tra questi Les Nymphéas che Monet dipinse in un mattino del 1905 e la splendida Seine a Suresnes di Alfred Sisley. La prima è uno sguardo già informale sul mondo. La seconda celebra le nozze tra la luce e la geometria. La mostra si chiude sul Ritratto di Baudelaire che Manet dipinse nel 1863. Baudelaire il quale descrisse il mondo allo stesso modo degli impressionisti ma lo seppe fare con le parole. Parole come queste :

« La gloire du soleil sur la mer violette, / La gloire des cités dans le soleil couchant » (Les Fleurs du Mal, « Le Voyage », strofa V)

“La gloria del sole sul mare color viola, / La gloria delle città nel sole che declina”. La gloria della mente che sa guardare il riflesso della luce nello spazio. Anche questo è l’impressionismo.

Nota tecnica. Sul sito della mostra si trova un’applicazione che permette di ascoltare sul proprio cellulare informazioni su alcune delle principali opere in mostra, esattamente su 35 di esse (su un totale di circa 190). Un’idea davvero buona. Peccato però che la voce che legge sia quella di un software anglofono, che deforma sistematicamente le parole e gli accenti sia francesi sia italiani, con effetti comici e penosi. Non si poteva spendere qualche euro per far leggere i testi a una persona vera ? Non necessariamente una grande attrice, sarebbe bastata una persona viva.

www.biuso.eu


Répondre à cet article - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -