Sei all'interno di >> Flash |

Il “pizzino” di novembre 2018 de Le Galline Felici

di Redazione - mercoledì 7 novembre 2018 - 405 letture

il Consorzio Siciliano Le Galline Felici

e le 4 cooperative sociali che vi aderiscono

a sostegno e valorizzazione di un territorio, gli IBLEI

e la cura delle persone più fragili

Attraverso azioni di rete

LE FILIEREQUE IBLEE

Alla nostra grande famiglia aderiscono 4 cooperative sociali (L’Arcolaio fin dall’inizio, poi Quetzal e Sprigioniamo Sapori nel 2014, infine Terra Matta nel 2015).

Tutte operano nel potenzialmente ricchissimo territorio dei Monti Iblei, nelle province di Siracusa e Ragusa.

Tutte offrono occasioni di lavoro e di riscatto sociale alle persone più fragili, dalle carceri alle donne ai migranti.

Tutte si prendono cura, in un modo o nell’altro, del loro territorio, gli Iblei.

Il Consorzio cerca di fare da collante e di dare una sponda a questa cura, del territorio e delle persone fragili, grazie alla fitta rete di relazioni intessuta in questi anni.

Il progetto Filiereque Iblee nasce nel 2016 in questo contesto su iniziativa della Cooperativa Quetzal di Modica.

La parola a Sara Ongaro, di Quetzal: “Il progetto nasce dalla sfida di applicare i principi del commercio equo e solidale concretamente all’agricoltura siciliana e in particolare alla filiera della mandorla, con tutte le sue complesse problematiche.

Nel 2016 la Coop Quetzal, insieme ad alcuni produttori di mandorle, costituisce un contratto di rete acquistando le macchine per la sgusciatura.

Abbiamo calcolato il prezzo delle mandorle al produttore considerando il costo con personale assunto e pagato regolarmente per tutte le operazioni in campo (in particolare la dura raccolta che avviene nel mese di agosto) e poi i costi di trasformazione nel laboratorio di sgusciatura.

Nel 2018 siamo diventati 4 produttori di mandorle e possiamo così soddisfare tutte le richieste di vendita senza acquistare da altri produttori e impieghiamo 3 persone alla sgusciatura e confezionamento.

Garantiamo su tutta la filiera:

 assunzioni regolari e salari secondo contratto provinciale dell’agricoltura;

 tracciabilità totale di prodotto (ogni pacchetto ha il nome del produttore in etichetta)

 valorizzazione delle varietà antiche e dell’agricoltura biologica

Facciamo anche sgusciatura conto terzi per produttori che hanno già i loro clienti, ma vogliono sgusciare le proprie mandorle.”

Quetzal aveva chiesto aiuto economico al Consorzio per realizzare questo progetto, ma poi non ne ha avuto bisogno, riuscendo ad autofinanziarlo grazie al contratto di rete. Bene!

Siamo invece intervenuti economicamente, anticipando 12mila euro all’Arcolaio per aiutarli a soddisfare la richiesta di tracciabilità delle mandorle da loro confezionate e segnatamente quelle commercializzate attraverso il Consorzio.

La parola a Pippo Pisano, presidente de L’Arcolaio: “Sempre più spesso chi consuma le nostre mandorle ci chiede “Da dove vengono le vostre mandorle?”.

Da qualche anno all’Arcolaio ci stiamo chiedendo come sia possibile garantire l’origine e la tracciabilità delle mandorle biologiche che vendiamo.

Quello della mandorla è un mercato strano, in cui l’andamento dei prezzi segue quello delle quotazioni internazionali.

Negli anni passati, insieme ad alcuni partner abbiamo fatto dei tentativi di costruire una filiera della mandorla bio siciliana ma purtroppo erano gli anni in cui il prezzo della mandorla era schizzato in alto e questo ha reso molto complicati i contatti con i produttori.

Nonostante queste difficoltà L’Arcolaio in questi anni non ha arretrato di un passo sulla convinzione di voler vendere mandorle bio siciliane e non abbiamo ceduto agli inviti a comprare mandorle spagnole o pugliesi.

Valorizzare i prodotti di eccellenza del territorio - siano essi mandorle, agrumi, pistacchi, carrube, erbe aromatiche - è per noi un punto fermo irrinunciabile che, oltre a soddisfare un’esigenza di qualità dei consumatori finali, ha una valenza educativa per i nostri lavoratori svantaggiati.

Allora, la filiera della mandorla.

Quest’anno ci stiamo riprovando, con maggiore fiducia e il sostegno delle Galline Felici.

Nei mesi estivi precedenti la raccolta abbiamo incontrato vari produttori, alcuni soci del Consorzio, abbiamo parlato con loro dell’importanza di fornire ai consumatori una mandorla bio di qualità e tracciata.

In questa stagione prevediamo di poter comprare 8-10 tonnellate di mandorle bio siciliane della varietà Tuono.

Dopo l’acquisto, le mandorle vengono trasportate a Modica al magazzino di Filiereque Iblee, dove vengono stoccate e, man mano, sgusciate.

Le mandorle sgusciate vengono confezionate nel laboratorio dell’Arcolaio all’interno della Casa Circondariale di Siracusa.

Quindi, quest’anno, tutte le mandorle sgusciate che forniremo alle Galline Felici saranno mandorle di filiera di cui è possibile garantire la provenienza e tutte le fasi di lavorazione.

E alla domanda iniziale sarà possibile rispondere con nome e cognome di chi ha prodotto quelle mandorle.”

Per i regali del Natale che si avvicina vi invitiamo ad acquistare i prodotti delle nostre 4 cooperative sociali

E per tutto l’anno vi invitiamo a venire a visitare quei territori:

· http://www.legallinefelici.it/it/ospitalita-e-turismo-l-altra-sicilia/visite-guidate/zona-ragusana

· http://www.legallinefelici.it/it/ospitalita-e-turismo-l-altra-sicilia/percorsi-turismo

ultim’ora elezioni nuovo Consiglio di Amministrazione del Consorzio:

Nel corso della nostra consueta assemblea trimestrale, alla scadenza del “vecchio” Consiglio di Amministrazione del Consorzio, è stato eletto il nuovo; confermato presidente Vicenzo Vacante, eletti i nuovi consiglieri: Manfredi Grimaldi, Lidia Tusa, Diego Bongiovanni e Mario Cutuli, che si presenteranno a voi a breve con un video messaggio.


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -