Sei all'interno di >> :.: Rubriche | CostituzionalMente |

Il pensiero democratico estremista

Quando la violenza del pensiero umano diventa pari alla violenza dell’uso delle armi.

di Gaetano Sgalambro - giovedì 7 aprile 2022 - 1637 letture

Tratto da un post di fb.

Autore:..... "LO HA DETTO DAVVERO

...anzi, scritto, Marco Travaglio. "L’unica certezza sulla orribile strage di Bucha è che 410 esseri umani sono morti...Ma francamente importa poco chi li abbia uccisi". E’ la guerra, caro lei... Inviterei il nostro a sviluppare l’interessante concetto alla prossima commemorazione delle Fosse Ardeatine. E’ quasi confortante, in un epoca in cui mancano modelli positivi, vedere almeno un perfetto esemplare di miserabile. (cit.)"

Commento del sottoscritto:

Egregio signor ........ ...., a lei non interesserà, ma le dico ugualmente che concordo con l’espressione di Travaglio -"L’unica certezza sulla orribile strage di Bucha è che 410 esseri umani sono morti..."- e non mi sento per niente un miserabile. Né considero miserabile chiunque la pensi in maniera diversa da me. Trovo legittima la sua riprovazione degli autori di stragi come questa e mi aspetterei che lei trovasse legittima la posizione di chi con quella frase va oltre la responsabilità degli autori (senza per questo volerne sminuire la colpa), perché la sua gravità umana (non è la prima e non sarà l’ultima) è tale da chiamare ad una responsabilità solidale quanti di noi non hanno mai mosso un dito per tentare di prevenirle.

Conclusione: Quando la violenza del pensiero umano diventa pari alla violenza dell’uso delle armi.


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -