Sei all'interno di >> Flash |

Il governo sa che Khaled El Qaisi è un cittadino italiano?

Un articolo di Riccardo Noury (Amnesty International)

di Redazione - giovedì 28 settembre 2023 - 476 letture

Domenica 1 ottobre 2023 si svolgerà la quinta udienza nei confronti di Khaled El Qaisi, il ricercatore universitario italiano e palestinese che dal 31 agosto è in custodia cautelare in Israele dopo essere stato arrestato al valico di Allenby, in uscita dai Territori palestinesi occupati.

In questo mese, Khaled El Qaisi ha avuto scarsissimi contatti col suo avvocato, è stato interrogato in assenza di quest’ultimo e non è mai stato informato sulle ragioni dell’arresto e sulle eventuali accuse nei suoi confronti. Tutto questo rende la sua detenzione arbitraria, dunque illegale.

All’inizio di ottobre le autorità inquirenti israeliane dovranno presentare le accuse nei suoi confronti, se ne avranno. Se ci saranno, dovranno basarsi su prove verificabili e contestabili. Se saranno la base per un procedimento giudiziario, questo dovrà rispettare interamente le norme del diritto internazionale sul giusto processo. Altrimenti, Khaled El Qaisi dovrà essere scarcerato.

Per Israele, l’aggettivo “italiano” che precede il trattino è del tutto irrilevante: l’arrestato è un palestinese, dunque sospetto a prescindere.

Ma sembra che l’aggettivo “italiano” sia poco considerato anche nel nostro Paese. C’è poca attenzione dei mezzi d’informazione, solo un piccolo gruppo di parlamentari mobilitati e il silenzio del governo, ufficialmente perché “non si può interferire in una vicenda giudiziaria”, in realtà perché – vecchia storia – non si vogliono rovinare i rapporti con uno Stato amico. Alla faccia dei diritti di Khaled El Qaisi. Del nostro connazionale Khaled El Qaisi.


- Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -