Il caso italiano dello ius soli

La questione dello ius soli è stata partorita scientificamente nel dato momento storico attuale con lo scopo di distrarre gli italiani dalla più intensa e feroce dinamica dei rapporti di forza nel mondo...
di Nello Russo - mercoledì 27 dicembre 2017 - 1804 letture

... dal lavoro, alla tutela della salute, dell’integritá del territorio e di altro ancora. Ed é questo il segno colpito: il gioco del “dagli al negro” serve a fare defluire, in sostanza, ogni forma di resistenza dal trend dello sfruttamento del lavoro e della forza lavoro, a fare abortire l’incipiente conflitto di classe, del quale invece il nostro tempo chiede a gran voce il nascere, affinchè questo conflitto sia di nuovo il terreno della lotta sotto l’egida del nazionalismo progredito e dell’integrazione metodica.

Nel bene o nel male, il governo ha preso per i fondelli gli italiani con una sceneggiata politica ed ha ridotto la democrazia nell’alveo del parlamentarismo bieco e bigotto, della farsa e del panegirico linguistico. Si puó non delinquere nei fatti, ma lo si puó comunque quando si usano i toni ed un linguaggio propensi alla distruzione del senso civico. Il governo ha solo sondato il terreno, per vedere come avrebbe reagito la nazione.

Sull’onda della campagna elettorale, ora ogni partito si prepara alla resa dei conti del 4 Marzo 2018. Colgo un notevole senso di ridicolo nel leggere le critiche ai partiti di governo mosse da parte dei loro stessi militanti, a volte mediocri e passivi, stritolati dalle promesse inconcludenti dei loro compagni e dirigenti di cordata, che hanno dibattuto la questione dello ius soli con argomentazioni capziosi, favorendo il compiersi di una dinamica mentale gretta ed istintiva, per mezzo della quale la maggioranza di governo ha contribuito a far risorgere con forza la pratica fascista, sotto la veste del pensiero neo liberale, del conflitto tra i poveri e del razzismo come strumento di mantenimento dell’integrità della razza e delle sue origini. In definitiva, ha stimolato la lotta all’insegna del concetto più retrogrado di “nazionalismo”, col quale si è acuito il conflitto tra popoli. In gran parte d’italia si avverte oramai, come compiuta, l’opera della disgregazione sociale e della confusione intellettuale intorno al tema degli stranieri in Italia, a vantaggio del loro isolamento e dell’emarginazione.

Il governo italiano ha scelto questa strada, seppur in agonia, nell’interesse della propria salvezza e di tutte le organizzazioni governative e non, ma ben contigue al sistema, ad eccezione di quelle invece non allineate marginalizzandole sul piano degli aiuti umanitari concreti e fattivi. La questione dello ius soli è stata partorita scientificamente nel dato momento storico attuale con lo scopo di distrarre gli italiani dalla più intensa e feroce dinamica dei rapporti di forza nel mondo, dal lavoro, alla tutela della salute, dell’integritá del territorio e di altro ancora.

Ed é questo il segno colpito: il gioco del “dagli al negro” serve a fare defluire, in sostanza, ogni forma di resistenza dal trend dello sfruttamento del lavoro e della forza lavoro, a fare abortire l’incipiente conflitto di classe, del quale invece il nostro tempo chiede a gran voce il nascere, affinchè questo conflitto sia di nuovo il terreno della lotta sotto l’egida del nazionalismo progredito e dell’integrazione metodica. L’UE economica e finanziaria vuole tutto questo, per accrescere il controllo sugli stati membri ed affievolirne la sovranitá politica, economica e culturale.

L’autodeterminazione è un concetto ormai desueto nel linguaggio politico della democrazia ed osteggiato dal sistema liberale e liberista. A tal proposito é stato ben detto da alcuni, che sta mietendo più vittime la diretta europea Bolkestein, che non lo stesso vento di razzismo soffiato dai governi della globalizzazione. Il razionalismo politico, finanziario e tecnologico ha definito le linee del del sopravvento degli interessi di pochi sui bisogni dei molti, dei poveri e del nuovo ceto medio.

Una forma di controllo nello specifico chiamata biopolitica, strumento unto dall’etica conservatrice e che spesso tocca punte di massimo accanimento nel tentativo di restaurare la dittatura sotto la forma del revisionismo ideologico e culturale.

Allora, cari sostenitori del governo, orda di soggetti funzionali al regime della dittatura gentile, non sfiatate con le vostre elucubrazioni mentali, che danno il segno della vostra confusione intellettuale. Non aggredite la nuova sinistra, che sta per nascere al di lá dei cespugli affini o organici a Renzi ed al pd; questa nuova sinistra deve essere per forza di cose lo spazio del comunismo, del quale avete paura, di una elevata e produttiva analisi e di un progetto reale severo. D’Alema, Renzi, Grasso, Boldrini sono invece il volto del grande inciucio.

Abbiate il coraggio di suonare altre note, altrimenti andate a scuola di cucina da una Parodi qualunque. Nel frattempo qualche ruggente intellettuale progressista usi l’amaca per russare, invece di distendervisi per scrivere inutili riflessioni ben organiche al pensiero diminante della casta di governo.

Lo ius soli sarà realizzato quando la società verrà liberata dalla coercizione e dal ricatto del capitale, quando l’individuo avrá saputo spezzare le catene della nuova schiavitù, quando il cittadino si sarà liberato dallo spasimo di un modernismo troppo asettico e convulso per produrre effetti positivi, quando la famiglia e la società avranno più tempo per vivere in sintonia e per trovarsi sui temi della solidarietà, della necessitá di stabilire un nuovo modello di relazione e di vita, che prenda spunti dai bisogni collettivi e dall’idea fondamentale che bisogna partecipare alla vita pubblica, non per gestire gli affari privati o particolari, ma per assicurare lo sviluppo del bene comune.

Non puó esservi progresso se non si percorre la strada dello sviluppo, della crescita in ogni campo e dell’equitá, fin quando non saranno abbattuti gli strumenti dello sterminio mentale di massa, sarà recuperata l’autodeterminazione e conquistata la libertà di ogni persona, o quando chi avrá espresso il proprio disappunto alla miserevole azione del governo nazionale, non sarà perseguito sotto la spinta di aggettivi maniacali. “Da ciascuno secondo le sue capacità, a ciascuno secondo i propri bisogni”.

Questo è un corollario del pensiero marxista, un dettato rivoluzionario per dare ai popoli opportune, sane e soddisfacenti condizioni di vita, per cancellare gli scontri nelle regioni del mondo, ma nell’integrazione sociale e nell’armonia cosmopolita del rispetto delle culture e delle usanze di ciascuna gente. Spero che il M5S sappia costruire una buona alternativa di governo, alla luce delle probabiilitá e delle opportunità, e che insieme alla nuova sinistra possa essere un elemento di rottura del sistema politico italiano troppo marcio.

Buon Natale a tutti, proprio a tutti, nonostante tutto.



Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -