I detti segreti dello “zar di vetro”

Un giovane con una bottiglia di ketchup in mano, dopo averla agitata violentemente la diresse contro di lui, spremendogliela addosso.

di Deborah A. Simoncini - giovedì 3 marzo 2022 - 2109 letture

Il Presidente della Federazione Russa riunito il gabinetto dei ministri, il suo staff e tutti gli ottantanove governatori si rivolse a loro a porte chiuse per tre ore. Il testo del suo discorso in sintesi venne poi distribuito ai giornalisti:

“Sono Vladimir - “colui che possiede il mondo” - detto anche Volodya, è ho dato l’ordine di avviare un’operazione militare speciale. Questo territorio è oggetto da tempo dei miei desideri, un succulento boccone di spartizione, dove fantasia e realtà si scambiano di ruolo. Mi conoscete, sapete come lavoro e buonanotte … In tutte queste vicende l’Europa è lo sfondo.

Finalmente succede in Europa qualcosa di nuovo. Ho vissuto in tutte questi anni nella continua attesa messianica di qualcosa di decisivo. Banche d’affari e grandi fondi internazionali, politici di ogni schieramento si interessano finalmente di me. Cambierà tutto, perché in mezzo a questa temperie parlo con chiarezza e rispondo a tono. La chiamata alle armi si può sintetizzare in una sola parola: BUONANOTTE.

La nostra vita non può essere un anestetico per passioni troppo accese. Doveva succedere qualcosa di grosso e non potevo trattenermi. Costi quel che costi. Ce la farò! So di cosa si tratta. L’importanza del problema, capace di sacrificarmi alle necessità, non va sovrastimata. La potenza del passato non può contrastare l’urgenza del futuro. Il primo e più importante elemento della mia azione guerrafondaia è soppiantare il primato dell’economia. La mia visione è semplice: fare leva sulla demografia e l’istruzione. So combattere e vincere la battaglia delle idee. Ho dato prova di sconfiggere ogni idea di rivolta. Sono per la sottomissione di donne e uomini: che si limitano a dire “sì”. La sottomissione è legata alla scomparsa della conflittualità economica, rappresenta la fine della conflittualità sociale ed è volta ad accettare il mondo in quanto tale. Il centro di gravità dell’Europa va spostato e voglio essere il primo presidente eletto di una comunità allargata che a partire dal Mediterraneo sfrutti il denaro delle monarchie del Golfo. Per avere pace bisogna domare e annichilire il capitalismo con la forza militare e la scienza.

Ridurrò la potenza sconfitta a società agricola, priva di capacità industriali autonome. La società degli Stati è al tramonto, avanza una società internazionale dell’Impero e per questo ho abbandonato le chiacchiere del declino nazionale e mi sono messo una volta per tutte alla testa dell’Impero.

vampire

È la capacità di fare la guerra la prova della mia esistenza imperiale. Sono così potente da togliere a chiunque la voglia di attaccarmi. Risparmierò l’Europa dai conflitti e mi concentrerò sull’Asia e sul Pacifico. Fondamentale per me è l’organizzazione burocratica, il rapporto tra il sistema politico e il sistema economico. Io ho pochi vizi e parecchie virtù, molta sincerità e tanta franchezza. L’Impero deve praticare una politica coloniale e ricevere indietro i suoi possedimenti. Lo sfruttamento coloniale è il mezzo fondamentale per sostenere l’Impero. Per espandere e sostenere il mercato imperiale ci vuole una unione economia coloniale. Anche l’Italia deve ricevere indietro i suoi possedimenti. Il mondo a lungo termine è asiatico e africano. Oggi i principali mezzi di produzione industriale appartengono a una minoranza, mentre la maggioranza, dove risiede il proletariato, in una prospettiva mondiale, non si smuove dalla miseria. Va considerata una nuova prospettiva mondiale. Il capitalismo è un sistema al tramonto, è il colonialismo che ormai l’incarna. È importante migliorare le condizioni dei lavoratori per la tenuta del sistema, ispirando le politiche finanziarie e sociali. Voglio che la danza delle streghe prosegua e non posso restare solo. Creerò le condizioni per un mondo che sappia consumare: fertile e fecondo. Gli asiatici, gli africani sono i nuovi clienti e devono migliorare le loro condizioni per aumentare il volume di affari della ditta, con il minimo sforzo. I clienti poveri sono cattivi clienti e pericolosi per il buon funzionamento delle cose. È un gioco serio. I grandi spazi del mondo vanno allineati. Noi russi portiamo sul groppone gli asiatici. Assicurerò confort e sicurezza. I cinesi hanno fatto uscire centinaia di milioni di persone della povertà, ma io sono già entrato nei libri di storia. Facendomi sentire indico una strada ambiziosa. Ho gettato sulla bilancia il mio peso sul piano internazionale e nell’ambito della Nato, per controbilanciare l’unilateralismo egemonico degli Stati Uniti. Mi sento protagonista di questo vasto compito che senz’altro è alla mia portata. Un sogno nuovo sta nascendo, più adatto alla prossima tappa dell’avventura umana. Prometto di condurre l’umanità a una coscienza globale, adatta a una società sempre più interconnessa e globalizzante. Compassione, lacrime e parole non sono sufficienti. Dobbiamo agire per aumentare l’efficienza del governo nel combattere lo spettro dei problemi che il paese si trova ad affrontare.”

Un giovane con una bottiglia di ketchup in mano, dopo averla agitata violentemente la diresse contro di lui, spremendogliela addosso. Rimase coperto di salsa gialla appiccicosa: la testa, il petto e la spalla sinistra. Con un senso fatto di urgenza e spaesamento Kiev la sorpresero in ventiduemila l’otto marzo e la lasciarono dispersi tra lo sgomento in duecento era il due novembre.


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -