Sei all'interno di >> :.: Primo Piano | Guerre Globali |

"Ho paura delle guerre e delle armi"


I bambini sono le prime vittime delle guerre. Anche quando sopravvivono ad esse. Khalid è una di queste. L’infanzia rubata dalla follia degli adulti nessuno gliela restituirà mai.
mercoledì 1 marzo 2017 , Inviato da Emergency - 1476 letture

"Ho paura della guerra e delle armi, ho paura che il mio braccio non torni più come prima" ci racconta Khalid, ricoverato nelle corsie dell’Emergency Hospital di Erbil. Khalid è arrivato da noi insieme a suo padre: "Mio figlio stava lavorando al mercato di Mosul quando un razzo è esploso vicino. Molte persone sono morte ma lui è rimasto ferito. Con la guerra la nostra vita è peggiorata, gli attacchi con mortai o droni da parte di Daesh continuano ogni giorno".

Questa settimana sono iniziati i combattimenti tra l’esercito iracheno e Daesh per il controllo della parte ovest della città, quella più popolata e più complessa dal punto di vista strategico. I numeri sono controversi, alcuni parlano di 750.000 - le stime più alte arrivano a un milione - di civili intrappolati tra le linee del fronte e prevediamo l’arrivo di molti feriti.

Per questo motivo abbiamo allestito, all’Emergency Hospital di Erbil, oltre 60 posti letto, tre sale operatorie, una zona per la gestione delle mass casualty e un rifornimento di farmaci in grado di trattare centinaia di feriti grazie al supporto del nostro team internazionale. Emanuele, vicecoordinatore dell’Ufficio umanitario, ci scrive da Erbil: "Ci siamo preparati al meglio ma non vorremmo essere qui, questo ospedale ha già visto troppe guerre e ricucito troppe ferite. Continuiamo a sperare che questa sia l’ultima volta, l’ultimo sbaglio, ma la logica della guerra non finisce mai di stupirci".


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -
Stampa Stampa Articolo
Ricerca
Inserisci la parole da cercare e premi invio
:.: Condividi

Bookmark and Share
:.: Articoli di questo autore
:.: Articoli di questa rubrica