Sei all'interno di >> :.: Primo Piano | Scuola & Università |

Grazie insegnanti

Senza nulla togliere all’attività – in taluni casi veramente eroica – di medici e infermieri, operatori della salute e della sicurezza, e anche di tante altre categorie...
di Alessandra Calanchi - mercoledì 18 novembre 2020 - 542 letture

Scrivo questa paginetta per ringraziare da parte mia e spero di tutti gli italiani una categoria di lavoratori e soprattutto lavoratrici di cui nessuno sembra accorgersi.

Senza nulla togliere all’attività – in taluni casi veramente eroica – di medici e infermieri, operatori della salute e della sicurezza, e anche di tante altre categorie che meritano la nostra piena riconoscenza, vorrei ricordare il numero esorbitante di maestri e maestre della scuola dell’infanzia e primaria che dalla fine di agosto, in condizioni a volte disperate, stanno portando avanti il lavoro didattico in presenza.

Spesso senza banchi, senza mascherine, spesso dovendo inventare giorno dopo giorno una programmazione che tenga conto dell’emergenza e delle modifiche quotidiane che questa comporta, sempre mettendosi a servizio dei genitori e dei bambini, sempre dispensando conoscenza e rassicurazione, tenendo insieme un giorno dopo l’altro gruppi smembrati, spaventati, rifacendo le classi e le interclassi, dovendo spiegare cos’è la quarantena, perché la mamma dell’amichetto non è tornata a casa, perché la collega è ancora all’ospedale, senza mai discriminare fra normodotati e bambini con problemi di apprendimento, magari con disabilità che riguardano la vista o l’udito, e nel frattempo svolgendo accuratamente i programmi, redigendo relazioni e verbali, trascrivendo registri, formalizzando decisioni, tenendo riunioni online nel “tempo libero”, partecipando a corsi di formazione, e tutto questo – spesso – senza nemmeno avere ancora un posto di ruolo, ma come precari, in attesa della “chiamata”, magari dopo un concorso vinto due anni fa…

A loro rivolgo il mio grazie, a loro che lavorano in tutte le zone, anche quelle rosse, e rischiano la vita, la salute, l’equilibrio psichico per uno stipendio che anche quando si è “di ruolo” resta fra i più bassi d’Europa, a loro che con una, due, tre o quattro lauree stanno prendendosi cura dei nostri figli e dei nostri nipoti, uomini e donne di domani, che mi auguro proveranno la stessa gratitudine per questo esercito silenzioso che tiene viva la Cultura, l’istruzione, la dignità, il rispetto dell’Altro, lo spirito di comunità.

Grazie.


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -