Sei all'interno di >> :.: Culture | Musica |

Gli Almamegretta alle Ciminiere

All’interno della rassegna “Ciminiere sotto le stelle”, a Catania.

di Cesare Piccitto - domenica 10 settembre 2006 - 3701 letture

Voce: Raiss Batteria: GennaroT. Chitarra: Giovanni Tastiera: Paolo Basso: Tonino

“Almamegretta” formazione napoletana con forti contaminazioni folk e reggae. Apertura con solo campionature e assolo di chitarra. Dopo l’entrata di Raiss leader naturale della band e inevitabilmente anche della serata. Il loro sound si è evoluto verso sonorità ancora più etniche e reggae mescolate perfettamente con suoni elettronici. Presi per mano da una voce ora dolce ora rabbiosa, si è trasportati verso ritmi e atmosfere che solo ottime band riescono a ricreare.

Foto: le immagini del concerto alle Ciminiere di Catania

Ovviamente molto spazio alle ultime canzoni, ma non sono mancate le indimenticabili: Gramigna, Fatmah, Black athena, Nun te scurda’ ecc. Nessuno riesce più a star fermo al posto seduto assegnatogli sulle comode gradinate. Tutti si riversano sotto il palco, dove era negato avvicinarsi, scatenandosi non nel solito “pogo” ma in una sorta di danza indiana sotto le stelle, una danza liberatoria. Accompagnati dalla voce che a tratti imita Marley e i straordinari ritmi si dimentica di essere sotto il cielo catanese, ma sembra di essere in piena Africa o Giamaica, tanta è l’atmosfera che alcuni danzeranno a piedi nudi.

Dopo quasi due ore di questa tribale atmosfera testi impegnati e cori degli spettatori, il Raiss si congeda dal pubblico con personalissimi inchini. Nessuna parola rivolta al pubblico, non era necessaria, la musica ha veicolato perfettamente la voglia del pubblico di assorbire vibrazioni e il desiderio della band di diffonderne in quantità industriali.


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -