Sei all'interno di >> :.: Culture | Musica |

Gesualdo da Venosa nel cuore di grandi cineasti

Si celebra quest’anno il quattrocentesimo anniversario della morte di Carlo Gesualdo, Principe di Venosa, il sommo madrigalista, nonché personalità inquietante quanto esaltante.
di Armando Lostaglio - martedì 12 febbraio 2013 - 3710 letture

Carlo Gesualdo, noto come Gesualdo da Venosa (Venosa, 8 marzo 1566 – Gesualdo, 8 settembre 1613), è stato un compositore in particolare di musica polifonica, fu autore di madrigali e di musica sacra. È considerato uno dei massimi innovatori del linguaggio musicale, riconosciuto nel panorama musicale fra i più originali geni di ogni tempo.

Furono suoi maestri di musica Pomponio Nenna, Stefano Felis, Scipione Stella ed altri eccellenti musicisti dell’epoca. Ebbe un grande peso sulla scena musicale a lui contemporanea e, a partire dal XX secolo, ispirò, oltre ad alcuni compositori moderni, anche la realizzazione di romanzi e drammi musicali. Accanto alla sua carriera artistica, Gesualdo si procurò anche la triste fama di assassino, per aver ucciso la sua prima moglie Maria d’Avalos, insieme al suo amante Fabrizio Carafa.

Una esistenza agitata e di forte impatto emotivo. Dell’eccelso madrigalista del Cinquecento, alcuni grandi cineasti hanno cercato di carpire i meandri di una esistenza artistica ed umana di grande interesse narrativo. Bernardo Bertolucci ha sempre tenuto nel cassetto l’idea di girare le vicende tragiche del Principe di Venosa. Una figura che lo affascina da sempre e nella quale – sosteneva - intravede anche segni di presente. herzog.09

Il film avrebbe avuto anche un titolo “Heaven and Hell” (Paradiso ed Inferno). Con un documentario della televisione tedesca, Werner Herzog aveva trattato del madrigalista, autore di musiche a lui tanto care. Girò nel 1995 un film-documentario dal titolo “Gesualdo: Morte a cinque voci” in cui ripercorre i luoghi di origine. "La musica - ci confidava - ha influenzato la maniera di fare cinema più di qualunque altra arte. Ma nelle arti figurative, le mie preferenze vanno per il tardo Medioevo. Ammiro la maniera di lavorare in quel periodo, da artigiani: avevano degli apprendisti, lavoravano in bottega. Prima di Michelangelo, ad esempio, gli scultori non si definivano artisti ma intagliatori”.

E sui luoghi di origine del madrigalista, il regista tedesco dichiarava: “Non poteva che essersi ispirato dall’armonia di questi luoghi!” Un regista come Herzog che ha girato mondi interi in mondi diversi, esplorando etnie e personaggi. Come il mitico "Fitzcarraldo", che fa ascoltare Caruso agli indigeni dell’Amazzonia, o che esplora in profondità l’animo umano come in "Aguirre, furore di Dio" e la disperazione in “Nosferatu, il principe della notte”, tutti interpretati dal suo amico - alter ego Klaus Kinski, scomparso alcuni anni fa.


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -