Sei all'interno di >> :.: Primo Piano | Città invisibili |

Focaccia Blues

Con Focaccia Blues il regista Cirasola porta sul grande schermo la storia vera del fornaio di Altamura che costrinse alla chiusura il McDonalds della cittadina pugliese.
di Fabrizio Cirnigliaro - mercoledì 10 novembre 2010 - 3025 letture

Focaccia Blues è un film del 2009 diretto da Nico Cirasola

Con Focaccia Blues il regista Cirasola porta sul grande schermo la storia vera del fornaio di Altamura, Luca di Di Gesù,  che costrinse alla chiusura il McDonalds della cittadina pugliese. La piccola focacceria che sconfigge il grande Fast Food, il piccolo imprenditore  che riesce a sopraffare uno dei più noti simboli della globalizzazione, la tradizione culinaria italiana in contrapposizione alla mercificazione del cibo, all’appiattimento dei gusti. Cirasola alterna alle interviste  dei  piccoli commercianti ( il macellaio, il calzolaio, la pasticciera ) degli sketch che hanno come protagonisti dei pugliesi "DOC", Lino Banfi, Renzo Arbore, Michele Placido e Niky Vendola

Sarebbe stato interessante poter sentire anche la voce dello sconfitto, perché nonostante siano passati 8 anni da quando McDonald’s ha chiuso il "ristorante" di Altamura, non si ha una versione "ufficiale" di come si siano effettivamente svolti i fatti

McDonald’s chiuse quel ristorante nel 2002, ma la notizia venne diffusa globalmente solo nel 2006, ben 3 anni dopo, quando il giornale Liberation pubblico un articolo sul panettiere che aveva sconfitto la grande corporation. Non è chiaro se la chiusura fosse stata già decisa prima dell’apertura della focacceria, e di quanto sia stata determinante la focaccia in questa vicenda Purtroppo questi aspetti non sono affrontati in Focaccia Blues, il regista ha preferito portare sul grande schermo solo l’aspetto romantico e "fiabesco" della vicenda, rappresentando lo "scontro" fra le due parti attraverso la "parabola" del fruttivendolo che gira per i vicoli del paese con l’Ape e lo straniero che arriva con la Corvette e cerca di conquistare la "femme fatale" del paese. Dopo l’uscita di SuperSize me,  il documentario di Morgan Spurlock, in Italia si è molto discusso di tematiche quali l’obesità fra i più giovani, le cattive abitudini alimentari, la dieta mediterranea e i fast food I McDonald’s nostrani introdussero nei loro menu piatti  "leggeri" , una vasta scelta di insalate e panini con la mozzarella allo scopo di far cambiare l’immagine "non salutare " del Fast Food Più recente invece è la nascita del McItaly: panini con ingredienti italiani che avrebbero dovuto conquistare il mondo.

Focaccia Blues, e il clamore con cui è stata raccontata dai media la vicenda di Altamura, sembrano cavalcare quest’onda ostile e critica nei confronti delle grandi Corporation del cibo, mostrandoci però solo un lato della medaglia. Forse sarebbe stato preferibile girare un film di fiction, piuttosto che un "finto documentario" A molti piacerebbe credere che il McDonald’s sia stato sconfitto da un panettiere, Davide che batte Golia, ma oggettivamente i 2 locali hanno un business e una clientela diversa, probabilmente la chiusura del fast Food è dovuta soprattutto ad una scelta imprenditoriale sbagliata. In Focaccia blues si parla di concorrenza, un ex lavoratrice (una delle poche giovani ad essere intervistata nel film) dichiara che suo malgrado era costretta a sorridere sempre, per contratto. Nei piccoli panifici e nelle rosticcerie del sud Italia i giovani lavoratori ricevano un trattamento migliore? La maggior parte è sottopagata, non sono assunti regolarmente, non gli spettano né ferie né tantomeno gli vengono retribuiti giorni di malattia . Nelle piccola attività a conduttura familiare troppo spesso i diritti dei lavoratori vengono soppiantati dal “vòlemose bene”, come se l’una debba per forza escludere l’altra

Nel film né il fruttivendolo né i clienti utilizzano i guanti prima di toccare la frutta, non vengono emessi degli scontrini fiscali, nei campi dove vengono acquistati i prodotti freschi locali non si vede la manovalanza straniera, come se Rosarno non esistesse. Un film di denuncia come Focaccia Blues, non si può permettere certe sviste. Alla fine della pellicola viene mostrata il prodotto tipico di Altamura venduto in un sacchetto sotto vuoto  si può mangiare la famosa focaccia non solo acquistandola nei centri commerciali del Nord Italia, ma  anche negli States, eliminando le distanze Un’immagine che più che Davide contro Golia  fa pensare ad  "Eva contro Eva"

"Noi abbiamo già tutto quello che ci serve per vivere meglio. Basta scegliere" Michele Placido


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -