Sei all'interno di >> :.: Culture | Musica |

Estate tempo di street rave parade

Due gli appuntamenti importanti in Italia con le street rave parade: a Bologna il primo Luglio, e a Catania, per la prima versione siciliana delle street, il 22 Luglio. Le info e i percorsi.

di Tano Rizza - mercoledì 21 giugno 2006 - 15737 letture

Estate tempo di street rave. E sì, i raver escono dalle fabbriche abbandonate, dai centri sociali e dai loro centri d’aggregazione e vanno in strada a rivendicare la loro esistenza, la loro voglia di ballare, e la loro visione del mondo antiproibizionista. Succede in tutto il mondo, da Berlino alla Londra, ma anche in Italia. Sono almeno due, in Italia, gli appuntamenti in programmazione che vedranno protagonisti i beat pesanti e il popolo dei raver in giro per le città.

A Bologna, i ragazzi del centro sociale Livello 57, non sono ancora riusciti a superare le resistenze dell’amministrazione comunale guidata da Cofferati, che dopo un lungo braccio di ferro durato mesi non si è piegata alla volontà dei ravers. Ma sarà, lo stesso street parade itinerante. L’appuntamento, confermato, è per sabato primo Luglio in Piazza Maggiore, da lì il serpentone di carri, cassoni, ravers e musica attraverserà tutta la città. Anche se luoghi, percorsi e postazione fissa finale ancora sono da definire (le battaglie con l’amministrazione comunale sono ancora in corso) la volontà di scendere in strada c’è. Massimo riservo, ancora, sui set che suoneranno. Nella mente degli organizzatori si sta profilando un’edizione d’alta qualità perché ad essere festeggiato sarà il decennale della street rave parade più amata e conosciuta d’Italia.

Questa edizione porta con sé anche tematiche molto importanti, il messaggio che il Livello 57 vuole trasmettere è carico di motivazioni sociali. Sfileranno a muso duro i ragazzi di Bologna, per riaffermare il loro diritto di esserci e partecipare alla vita pubblica e culturale della loro città, infatti, dopo la perquisizione subita dal centro sociale, lo sgombero del Ca.Cu.Bo, e la morte di Federico Aldovardi avvenuto in circostanze sospette dopo un fermo di polizia(la steet è dedicata a lui), a Bologna si respira un’aria di pesante repressione.

L’organizzazione ha quindi stilato un manifesto per la libertà di manifestazione ed espressione, già sottoscritto da centinaia di persone non solo di Bologna. Inoltre la street quest’anno sarà proceduta da una due giorni di dibattiti e incontri, organizzata dal Movimento di Massa Antiproibizionista. Il programma prevede: Mercoledì 28 Giugno la presentazione del video “Street Rave Parade presso il Livello 57. Giovedì 29, alla sala Farnese di Palazzo D’Accursio il convegno “Per i diritti di cittadinanza oltre il proibizionismo”.

Ma, la street è anche una manifestazione antiproibizionista, e tra le tematiche centrali troviamo: l’abrogazione immediata della legge Fini Giovanardi, la depenalizzazione del consumo e dei comportamenti ad esso collegati, il diritto di manifestare liberamente, pacificamente e gioiosamente le proprie idee, per i diritti di cittadinanza.

Secondo appuntamento per i raver italiani è quello di Catania. Dove un gruppo di studenti si è raggruppato in associazione culturale per dar vita alla prima edizione della street parade siciliana. Anche qui, dopo tanti problemi e un tira e molla estenuante, gli organizzatori sono riusciti a spuntarla e organizzare la street itinerante. Partenza prevista per sabato 22 Luglio. I partecipanti s’incontreranno alle 16.30 all’ingresso della Villa Bellini (altezza via Roma) e alle 18.30 si muoveranno in direzione via Etnea.

Il percorso prevede soste in Piazza Università, in via Vittorio Emanuele, in Piazza San Placido, agli Archi della Marina, e in Piazza Alcalà. Da lì si muoveranno in direzione via Cristoforo Colombo per terminare, infine, alla postazione fissa del parco eventi, in zona lidi di Playa, dove dalla mezzanotte si svilupperà il rave che durerà fino all’indomani. Ancora non ci sono i nomi dei set, è ancora presto, ma si prevede un forte afflusso di persone provenienti da tutta la Sicilia e dal sud Italia.


Risorse e info online:

- Street rave parade 2005 a Bologna(Video)

- Un’articolo su Girodivite sull’edizione 2005

- il sito del Livello 57

- Video sulla morte di Federico Aldovardi


Rispondere all'articolo - Ci sono 3 contributi al forum. - Policy sui Forum -
E’ evidente...
21 giugno 2006, di : Tano Rizza

Roma, 21 giu. (Adnkronos) - La Prefettura di Bologna ha posto il veto su Piazza Maggiore, negando il cuore di Bologna agli organizzatori della Street Rave Parade, la parate antiproibizionista che i centri sociali guidati dal livello 57 hanno programmato l’evento per il prossimo 1° luglio. Questo l’esito del 6° incontro in Prefettura al quale hanno partecipato come portavoce dei centri sociali il parlamentare di Rifondazione Comunista Daniele Farini, il consigliere comunale dei Verdi Roberto Panzacchi e il consigliere indipendente, eletto nelle liste del Prc e leader del Bologna Social Forum, Valerio Monteventi.

Ad attendere il risultato dell’incontro, fuori dal Palazzo della Prefettura c’era questa mattina anche il leader del livello 57 Rosario Picciolo che a chi gli ha chiesto se andranno ugualmente in Piazza Maggiore ha risposto: "E’ evidente".

    si parte
    28 giugno 2006

    Al via gli appuntamenti del Movimento di Massa Antiproibizionista che culminernno con la Street Rave Parade in programma per sabato 1° Luglio a Bologna.

    Dopo il lungo braccio di ferro con il Comune di Bologna è confermato anche per quest’anno l’appuntamento per la Street Rave Parade Antiproibizionista, si parte come sempre da piazza Maggiore ma non è ancora chiaro il percorso che si seguirà. Data la tensione che ha animato le trattative, il movimento ha preferito tenere assoluto riservo sui sound system che suoneranno alla manifestazione che si profila comunque di alta qualità per la celebrazione del suo decennale. L’edizione di quest’anno è dedicata a Federico Aldovardi, ragazzo morto in circostanze sospette dopo un fermo della polizia a Ferrara, ed è inoltre ricca d’incontri e dibattiti che precedono la la consueta parata di sabato 1° Luglio.

    In evidenza per giovedì 29 giugno, alla sala Farnese di Palazzo D’Accursio, il convegno "Per i diritti di cittadinanza oltre il proibizionismo" dove personalità del mondo scientifico, rappresentanti delle istituzioni locali e nazionali, associazioni di tutela di pazienti e consumatori, operatori attivi nel campo dell’informazione sulle sostanze e nella riduzione dei rischi, s’incontrano per discutere sul proibizionismo che continua a criminalizzare milioni di persone in tutto il mondo, per dibattere sulle politiche innovative in tema di droghe, per ribadire la necessità dell’abrogazione del ddl Fini-Giovanardi e, ancora, per parlare del clima di repressione che si respira a Bologna e che va nella direzione opposta cui aveva fatto sperare il cambio di forze politiche che, dopo l’insediamento del sindaco Cofferati, tradotto nella pratica, significa persecuzioni giudiziarie anti-droga, anti-degrado e contro tutti coloro che dal basso stanno accogliendo e studiando i nuovi fenomeni sociali, allargando i diritti di cittadinanza ai cittadini migranti, ai lavoratori precari e a quel 25% della popolazione che fa uso di sostanze psicoattive.

Estate tempo di street rave parade
28 giugno 2006

Cofferati deve arrendersi La «Rave parade» si farà
- di Redazione - da Bologna

Dopo otto incontri in Prefettura (l’ultimo ieri) e mesi di polemiche, il sindaco di Bologna Sergio Cofferati ha dovuto fare un mezzo passo indietro nella telenovela della Street Rave Parade antiproibizionista: non la voleva in corteo, invece il corteo ci sarà, anche se dimezzato, in zona Fiera e con «solo» dieci tir-discoteca invece dei 30 delle passate edizioni. Cofferati non voleva che fosse concessa una piazza per il primo momento della manifestazione, quello più politico, ma alla fine è stata autorizzata piazza XX Settembre, di fronte alla stazione, che non è centralissima, ma è a ridosso del centro storico, entro la circonvallazione. Infine, non voleva sborsare un euro, invece il Comune pagherà le spese di pulizia. L’accordo è stato sancito ieri mattina sotto la regia della Prefettura, che dall’inizio aveva fatto capire di non volere e non poter impedire nulla, nonostante il veto politico del sindaco. «Credo sia una buona soluzione. Sarà un Rave più contenuto e semi-stanziale - ha convenuto Cofferati -. Sarà garantita sicurezza per i cittadini e i manifestanti». Un risultato certo c’è ed è quello a cui puntava la Prefettura: diminuire la tensione che si era creata in città su questo tema. Sabato, però, è confermata la contromanifestazione organizzata da An e Lega. La polemica ora si sposta su un altro fronte, quello delle spese che il Comune dovrà sostenere per ripulire il dopo-Rave: l’anno scorso costò 150mila euro alle casse di Palazzo d’Accursio. «Le spese saranno quelle normali di ogni manifestazione» ha assicurato Cofferati che ha ottenuto l’aiuto economico anche delle amministrazioni di Provincia e Regione:

Estate tempo di street rave parade
28 giugno 2006

“Legalize it Express!” il treno per andarea a Bologna da:

Milano - Piacenza - Parma - Reggio Emilia - Modena appuntamenti in stazione:
- Milano ore 13.30
- Piacenza ore 14.15
- Parma ore 14.45
- Reggio Emilia ore 15.00
- Modena ore 15.20 Treni di ritorno da Bologna ore 21.44 - 04.12 - 05.30 x more info: cantiere@globalproject.info oraproibita@radioshock.info 0236511380 - 3409188094

Genova meeting point ore 11.30 Stazione Principe