È stato ministro della difesa per un anno. Intervista a Pippo

di Redazione PuntoG - giovedì 21 novembre 2019 - 740 letture

È stato ministro della difesa per un anno, dal 1º giugno 2018 al 5 settembre 2019, sotto il governo Conte I. Siamo riusciti a intervistarlo in questi giorni di polemiche sui giornali.

Girodivite: Signor ex Ministro della Difesa...

Pippo: Tranquillo, mi chiami pure Pippo. In fondo, sono un cane semplice e alla mano...

Girodivite: Dottor Pippo...

Pippo: Pippo e basta, grazie.

Girodivite: Mi scusi, ma sa siamo abituati noi giornalisti ad avere una prona deferenza nei confronti dei potenti specie se ministri o ex ministri e...

Pippo: Non si preoccupi. Io rimango un umile cane. Noi schnauzer nani non siamo mica come gli alani o come i pitbull. Quanto ai chihuahua non ne parliamo: mi stanno sulle palle: abbaiano sempre in continuazione con quella vocetta da froci...

Girodivite: Ehm... capiamo che Lei è stato ministro della Difesa e ha avuto contatti con un mondo virile e di veri machos, ma il suo linguaggio...

Pippo: Un linguaggio "da caserma" dice? Ahahahah! (segue un ululio di compiacimento).

Girodivite: Lei come ministro ha avuto un periodo in cui, come si dice, se l’è spassata...

Pippo: Sì, non mi posso lamentare. È stato godurioso farsi portare in limousine e poi pisciare su tutte e quattro le ruote della macchina. Giusto per lasciare la mia impronta di ministro in giro...

Girodivite: In questi giorni c’è una polemica in corso...

Pippo: Sì, ho saputo. A proposito della mia segretaria e di suo marito...

Girodivite: La sua segretaria?

Pippo: Sì, come si chiamava... L’ho avuta per pochi mesi sa. Qui da noi le segretarie cambiano in continuazione. Questa si chiamava Elisabetta... Elisabetta qualcosa...

Girodivite: Elisabetta Trenta...

Pippo: Ah, bravo. Vedo che si è documentato.

Girodivite: Veramente, secondo le carte del Ministero risultava essere lei a detenere il ministero...

Pippo: Era una semplice prestanome.

Girodivite: Una prestanome?

Pippo: Sì, è quanto decidemmo alla riunione con Davide e gli altri...

Girodivite: Davide?

Pippo: Davide Barboncino Casaleggio. Ma c’era anche quell’altro: Matteo...

Girodivite: Matteo Renzi?

Pippo: No, Salvini. Matteo Akita Salvini. C’era anche Beagle Conte... insomma c’eravamo tutti.

Girodivite: E...?

Pippo: E niente. Si decise per il bene del Paese che il Paese ancora non era pronto per avere come ministro un cane, e allora abbiamo optato per una giovane femmina. La mia segretaria.

Girodivite: Dunque è vero che in realtà, in quel periodo, era lei e non quella Elisabetta Trenta il vero ministro della Difesa...?

Pippo: Ma vi pare che un ministero maschio e forzuto come il Ministero della Difesa italiana poteva andare a una semplice donna? Certo che ero io il ministro. Davanti a me si mettevano tutti sull’attenti. Con una donna non avrebbero fatto altro che litigare tra di loro senza costrutto. Se l’immagini il giorno della Parata nazionale sarebbero stati capaci persino di girare i tacchi e non farsi vedere per l’evento più importante della Repubblica. Mentre avevamo precisi doveri noi militari...

Girodivite: Precisi doveri?

Pippo: Naturalmente: La difesa del Vallo Atlantico, delle Foreste europee...

Girodivite: Le foreste?

Pippo: Senza alberi dove crede possa fare la pipì il nostro virile popolo di pura razza europea?

Girodivite: Beh, gli impegni internazionali dell’Italia...

Pippo: Naturalmente. Pensi che in cambio del contratto di quegli stupidi elicotteri americani...

Girodivite: Gli F35... Ma veramente sono aerei, non elicotteri. Quello era stato Boccia che aveva confuso la tipologia...

Pippo: Beh, qualsiasi cosa siano. In cambio di poche lire abbiamo aperto l’importazione delle crocchette americane.

Girodivite: Le crocchette?

Pippo: Buonissime! Le migliori crocchette le fanno negli Stati Uniti. Che crede che non ne capisca niente di crocchette, io?

Girodivite: No, non dubitiamo... Dunque per questo la Trenta - volevo dire: lei come ministro della Difesa, anche sotto il governo del Conte I e nonostante il Movimento 5 Stelle fosse sempre stato contro gli F35 ha dato il via libera all’acquisto di questi costosissimi velivoli? Per un pugno di crocchette?

Pippo: Non sarà anche lei uno di quei froci pacifisti pronto a vendersi al primo gatto che appare all’orizzonte, vero?

Girodivite: Veramente...

Pippo: Per fortuna l’Italia è un Paese con le palle! Mica cazzi! Bauuuu...!

Abbiamo lasciato Pippo mentre iniziava un suo comizio ululante davanti al balcone aperto da cui spirava una tenue luce novembrina. E ripensiamo ai tempi imperiali andati, quando venivano eletti i cavalli come senatori, mentre oggi tra i Dudù e i Pippo la politica sembra scadere un po’ in cagnara...


Naturalmente non è mai esistito nessun Pippo, cane di un ministro della Difesa. Né tantomeno ministro della difesa, per quanto se ne sappia.



Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -