Sei all'interno di >> :.: Culture | Arte |

Domenico Modugno: inno alla vita

Omaggio a Modugno nel 12° anniversario della sua morte...

di Beatrice - lunedì 31 luglio 2006 - 31586 letture

DOMENICO MODUGNO - INNO ALLA VITA
Omaggio a Modugno nel 12° anniversario della sua morte.

(9 Gennaio 1928 Polignano a Mare - BA / 6 Agosto 1994 Lampedusa)

Da dove vengano certi estri che lasciano per sempre incisa la loro impronta negli echi dell’arte, e’ una domanda che spesso ci si pone ascoltando Domenico Modugno, il nostro “Mister Volare”; altra risposta non si ha se non che la passione profonda che domina l’animo umano, se diretta ad esprimere se’ stessa, non puo’ che creare l’arte in tutte le sue espressioni e sfaccettature.

Modugno ci ha comunicato la sua passione, il suo grande spirito, attraverso una vita artistica completa (dalla musica al teatro, al cinema). E’ doveroso ricordare un personaggio che ha trasmesso ed emozionato sin negli ultimi giorni della sua vita terrena.

Scrivere un articolo su questo “Grande”, non e’ impresa facile; e’ per questo motivo che si lascera’ che sia la sua stessa arte a scrivere ed esprimersi ancora e sempre.

Questo vuole essere un elogio all’uomo e all’artista che come molti altri grandi artisti non deve essere dimenticato.

Le sue canzoni: come non emozionarsi dinnanzi agli inni alla vita cantati con la piu’ grande profondita’ d’animo di cui solo l’artista innamorato della sua arte sa’ fare. Come esprimere a parole quello che si sente ascoltando:

"E' vero
credetemi è accaduto
di notte su di un ponte
guardando l'acqua scura
con la dannata voglia
di fare un tuffo giù uh
D'un tratto
qualcuno alle mie spalle
forse un angelo
vestito da passante
mi portò via dicendomi
Così ih:
Meraviglioso
ma come non ti accorgi
di quanto il mondo sia
meraviglioso
Meraviglioso
perfino il tuo dolore
potrà guarire poi
meraviglioso ...
...Tu dici non ho niente
Ti sembra niente il sole! La vita
l'amore
Meraviglioso
il bene di una donna
che ama solo te
meraviglioso
La luce di un mattino
l'abbraccio di un amico
il viso di un bambino
meraviglioso... (Meraviglioso - 1967)."

E le parole, che da sole gia’ creano poesia, diventano grido di vita con la voce appassionata di Domenico...e subito ti arriva al cuore. Il cuore, l’amore, la vita, parole gia’ troppe volte dette e sentite, ma quando pronunciate cosi’, superano i confini della banalita’:

"Dio come ti amo
non e' possibile
avere tra le braccia
tanta felicita'
Baciare le tue labbra
che odorano di vento
noi due innamorati
come nessuno al mondo
Dio come ti amo
mi vien da piangere
in tutta la mia vita
non ho provato mai
un bene cosi' caro un bene cosi' vero
Chi puo' fermare il fiume
che corre verso il mare
le rondini nel cielo
che vanno verso il sole
Chi puo fermar l'amore
l'amore mio per te ..." (Dio come ti amo - 1966).

Testi che parlano di sentimenti, che sollevano emozioni forti come quando ci si trova davanti ad una fatale separazione dall’amata:

"...chista e' na' storia
d'un pisci spada
storia d'amuri
...te pigghiara la fimminedda
drittu, drittu
intra lu cori...
...e la varca la strascinava...
e lu sangu ni curria
e lu masculu chiancia...
...e lu masculu parria 'mpazzutu...
...rispunnia la fimminedda
cu nu filo e filo e' vuci
scappa, scappa
ammuri miu
ca' si no t'accitinu
no, no, no,
no, no
ammuri miu
si tu mori vogghiu muriri
ansemi a tia
si tu mori
ammuri miu
vogghiu muriri..." ('U Pisci Spada - 1967).

E’ il pianto piu’ amaro, lo strazio del cuore nel distacco atroce, che si trova nelle parole di questa canzone; dipinge un’ antica pratica di pesca del pesce spada, ossia la pesca con l’arpione, diffusa in particolare in Sicilia. Ritratto caldo e amaro che ci dona piu’ volte Modugno nei suoi testi sia dialettali che non. Attaccamento ai paesaggi del Meridione che non ha confini per lui e di cui ne canta il dolce e l’amaro cosi’ come in “Amara Terra mia”:

"Addio addio amore
Io vado via
Amara terra mia
Amara e be..e..e..e..lla
Cieli infiniti
e volti come pie..e..tra
mani incallite ormai
senza speranza...
...Amara terra Mia
Amara e be..e..e..e..lla
Tra gli uliveti è nata
già la luna
Un bimbo piange allatta
un seno magro
Addio Addio Amore ..." (Amara Terra Mia - 1971).

Paesaggi di uliveti e cieli azzurri si aprono agli occhi e nella mente di chi ascolta Mimmo, che con la sua musica regala immagini del mare come simbolo rilevante della sua poesia e di allegoria di liberta’. Liberta’ dello spirito che sicuramente l’artista gia’ possiede e che intona con impeto nei suoi testi:

"E' l'alba
nel mare gia' respirano
le bianche vele
Ascolto un eco dolce
che mi chiama
e' la vita che chiama me
Libero voglio vivere
come rondine
che non vuol tornar
al nido
Libero voglio andarmene
libero non cercatemi
e i ricordi i ricordi
gettarli in fondo al mare
Corre la vela mia
corre per il suo mare
chi la puo' mai fermare
Naviga naviga naviga naviga..." (Libero - 1960).

E chi nella vita non ritrova qualcosa di suo in queste parole. E ancora inno alla liberta’ nella mitica canzone “Nel Blu dipinto di Blu” (Volare):

"Penso che un sogno così
non ritorni mai più,
mi dipingevo le mani
e la faccia di blu,
poi d'improvviso venivo
dal vento rapito,
e incominciavo a volare
nel cielo infinito.
Volare ho ho
cantare ho ho hoho,
nel blu dipinto di blu,
felice di stare lassù,
e volavo volavo
felice più in alto del sole ed ancora più sù,
mentre il mondo
pian piano spariva laggiù,
una musica dolce suonava
soltanto per me. ...
...Ma tutti i sogni
nell'alba svaniscon perchè,
quando tramonta la luna
li porta con se,
ma io continuo a sognare
negl'occhi tuoi belli,
che sono blu come il un cielo
trapunto di stelle." (Nel blu dipinto di blu - 1967).

Estremo desiderio di liberazione, traduzione del clima dell’Italia dell’epoca, la canzone spopola e il canto di amore e liberta’ viene tradotto in tutte le lingue.

Il cielo e il mare sono immagini di forti riferimenti allegorici nella lirica di Mimmo, cosi’ come il simbolo del sole che diventa espressione di vita:

"A' notte si sperde inda a' matina
o vico chianu chianu se schiara
e vene o' sole

sole, sole, sole,
riri pe' caso
trase, trase,
ogni cosa cchiu' pulita se fa
e vanno po' cielo...

...scetateve pitturi
sciugliti sti' culuri
co' verde e l'acqua e' mare...

....ti sto luntano e o' vedo
ma quannu l'ucchi n'chiuru
te veco co' pensieru
paese miu..." (Sole, sole, sole - 1959).

Il sole, simbolo di vita, che senza l’amore viene descritto pallido e “malato”:

"Sole, sole malato
stai la' come pe' di' tutto e' firnutu
io penso a te
tu chiagni 'mbraccio a n'atro
ammore mio
che t'aggia di'...
...ce resta na' speranza primmavera
ce resta na' cumpagna nustalgia
ma appena passa 'vierno
vita mia
trova na' via
e venime a' circar..."(Sole malato - 1966).

L’amore, intorno al quale gira tutta la vita e le canzoni di Modugno: amore per la propria terra, per il mare, per il cielo, il sole, amore per la liberta’, amore per la vita, amore per la propria donna; e’ stato espresso nelle piu’ appassionate delle parole anche acuito e idealizzato come quando gli ostacoli sociali e formali lo rendono impossibile:

"...che cosa mi sta
succedendo
una tenerezza che
io non ho provato mai
lo so che mi sto
innamorando
ma non ho il coraggio di
confessarlo neanche a me
innamorato di te
ed ho trent'anni di piu
perche'
guardi me
hai capito gia'
io
vorrei
dirti che
forse tu lo sai
un bene segreto e profondo
una cosa dolce che
io nascondo dentro me
l'amore piu' grande
del mondo
nato troppo tardi ormai
per un uono come me
innamorato di te
ed ho trent'anni di piu' ..." (Il Maestro di Violino - 1975).

Amare senza limiti, senza tempo ne’ ostacoli sociali o buracratici e’ un tema che Mimmo esprime con intensita’ anche nella canzone “L’Anniversario”:

"Il nostro anniversario
non e' sul calendario
perche' di matrimonio
non si parla tra noi due
diverso e' il tuo cognome
ma uguale abbiamo il nome
noi ci chiamiamo amore
tutti e due
amore senza data
senza cartabollata
ti sposo ogni mattina
e tu rispondi sempre si ..." (L'anniversario - 1976).

E da queste note ancora si e’ portati al tema dell’amore che stringe il cuore nell’abbandono di una storia finita:

" 'Mmiez'a na strada 'nfosa
ce simmo ditte addio
sola pe' n'ata via
te veco parti' ...
...pecche'
tu vuo' resta' ma te ne vaje?
pecche'
te voglio bene e dico: va'? ..." (Strada 'nfosa - 1967).

Tutto il percorso artistico di Domenico e’ un armonioso svolgersi di testi che hanno i temi fondamentali della vita e di quello che veramente conta. E’ proprio Modugno che in “Questa e’ la mia vita” con orgoglio dice:

"Questa e' la mia vita
e ve la racconto
breve riassunto
di poesia
e di pianto ah..ah ...
...da anni di illusioni
sogni e delusioni
che ha vissuto un uomo
da quel giorno che
venne a questo mondo
con un viso allegro
lavoro' da negro
lavoro' per tre. ...
...e ogni ruga
e' un bel fiore
un pensiero d'amore
ah...ah...
un' amara conquista
un dolore di testa
un sogno in piu'
una vita inventata e vissuta
fra la gente che odia e che ama
quanta ne' ho conosciuta
ognuna ha una trama
e ognuna fa' parte di me. ..." (Questa e' la mia vita - 1974).

Artista che ha sempre accolto e interiorizzato cio’ che lo circondava per regalare poi, esternandolo con la sua creativita’, un mondo meraviglioso nelle sue mille sfumature e atmosfere surreali come in “Vecchio Frack”, in cui ci racconta e ci sussurra di un malinconico gentiluomo che passeggia nelle vie deserte della notte, lasciando cosi’ creare nella mente dell’ascoltatore un’immagine da sogno:

"E' giunta mezzanotte
si spengono i rumori
si spegne anche l'insegna
di quel'ultimo caffè
le strade son deserte
deserte e silenziose,
un'ultima carrozza
cigolando se ne và. ...
... Ha il cilindro per cappello
due diamanti per gemelli
un bastone di cristallo
la gardenia nell'occhiello
e sul candido gilet
un papillon,
un papillon di seta blu ...
...buon nuite bonne nuite
buon nuite bonne nuite

Bouna notte
va dicendo ad ogni cosa
ai fanali illuminati
ad un gatto innamorato
che randagio se ne va. ..."(Vecchio Frack - 1967).

Negli ultimi anni della sua vita e carriera, dopo che la malattia lo aveva gia’ debilitato, scrisse e canto’ insieme al figlio Massimo, “ Delfini”, in cui ancora una volta ci lascia un messaggio di forza e di amore per la vita:

"Tanto tempo fa'
un grande filosofo indiano
scrisse " Nel mare della vita
i fortunati
vanno in crociera
gli altri nuotano
qualcuno annega " ...
...Sai che c'e'
non ce ne frega niente
dei pescecani
e di tanta brutta gente
siamo delfini
e' un gioco da bambini il mare ..." (Delfini).

Il mare e’ fortemente presente anche negli ultimi giorni della sua vita; elemento che lo allieta e gli da’ sollievo dalla malattia; Modugno ha nuotato e si e’ immerso nel suo mare con coraggio fino all’ultimo.

Dopo la morte, in una raccolta inedita di canzoni, si scopre “Sei cosi’ bella e cosi’ sola”, in cui un malinconico messaggio ci arriva e ci fa pensare:

"Sei cosi' bella e cosi' sola
pero' nessuno puo' capire
per cento volte innamorata
una farfalla colorata
che ubriacandosi di vita
vive la sua liberta'.

Sei cosi' bella e cosi' sola
ti sei fermata accanto a me
felicita' di un minuto
creatura sconosciuta
senza averti mai incontrata
io ti conoscevo gia'.
Ma come e' assurda questa
nostra vita
chissa' quale confine ci sara'
prima una grande fiamma che ci
brucia
poi questo buio che ci divide gia'
e questa nostra storia
e' ormai finita....

...Addio farfalla colorata
forse tutta la mia vita
mi ricordero' di te..." (Sei cosi' bella e cosi' sola).

Non bastano le pagine e le parole ancora per esprimere tutto quello che ci ha lasciato Mimmo. Il suo spirito artistico lo porto’ anche ad una proficua attivita’ teatrale e cinematografica; non manco’ l’impegno in campo politico e sociale. Tanto altro si potrebbe aggiungere, ma arrivati sin qui si lascera’ all’interesse del lettore approfondire quant’altro ci sarebbe da scoprire.

L’omaggio ha quale scopo di lasciare nella mente e nel cuore di chi conosceva anche solo quel po’ di Domenico Modugno, un ricordo che non lo identifichi solo come l’autore di “Volare”, ma come uno spirito che come pochi ha saputo incidere la nostra epoca con la passione forte e vera per la vita.


Rispondere all'articolo - Ci sono 1 contributi al forum. - Policy sui Forum -
Domenico Modugno: inno alla vita
12 gennaio 2009, di : anna

brava!certi uomini vanno ricordati e omaggiati!modugno era emozione vera pura !quando lo ascolto e come se un fiume si riversasse dentro di me .che dire...Meraviglioso.....Meraviglioso...Meraviglioso