Che bella libertà / di Renato Zero

Canzone pop: testo di Renato Zero; musica di Dario Baldan Bembo. Pubblicata nell’album "Via Tagliamento 1965/1970".
di Redazione Zerobook - venerdì 11 novembre 2022 - 1149 letture

Dove sei, libertà
Ubriaca di parate e di bandiere
Chi dirà, che il silenzio in fondo è libertà
Chi dirà, che di troppa libertà si muore

Qui in città, tutto va
Tutto va, se non si arrestano i motori
Mentre poi, libertà, non si respira mai
Chi lo sa, quanto costa fare andare il cuore

E pagherò i miei debiti
Voglio acquistare solo cieli limpidi
Tentare ancora di confondermi
Con le montagne, con il mare, con chi sia
Con questa vita ritornare in sintonia
Fare l’amore con chi voglio io
Avere un sogno che sia solo mio
Ridere o piangere, soltanto se mi andrà
Usciamo fuori, non restiamo chiusi qua
Nelle prigioni di cristallo
In questo mondo, sempre quello, che bella libertà

Pioverà, non pioverà
Anche qui, qualcuno ha già previsto tutto
Ma chi è, questo dio che poi dio non è
Come può, un uomo solo fare tanto male

Mentre poi, libertà, non ci somiglia mai
Chi lo sa, quanto costa fare andare il cuore

Il mondo sfoggia i suoi tentacoli
Vite vendute senza troppi miracoli
Un ululare di sirene e poi
Solo domani scopriranno tu chi sei
Sui muri la tua rabbia scrivi tu
Quello che ami e ciò che odi di più
Cerchiamo un posto a questa libertà
Vestirla, amarla, andarci a letto e chissà
Chissà non torni un’altra volta, libertà

Questa tua voglia di abbracciarmi
Questa mia voglia di seguirti
Che bella libertà


Fonte: AntiWarSongs.org.



- Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -