Sei all'interno di >> Flash |

Catania: contro i tagli alla scuola di Librino

di Redazione - martedì 7 settembre 2021 - 794 letture

Amministrazione comunale etnea taglia il Mary Poppins: la vergogna continua!

Lo stato di agitazione continuerà fino a quando in tutti i quartieri popolari di Catania non saranno garantiti case, lavoro e servizi

La settimana passata tante donne hanno manifestato davanti ai servizi sociali del comune di Catania per denunciare il taglio di fondi comunali alla Mary Poppins, una struttura scolastica presente da diversi anni nel quartiere di Librino. “Questo taglio di fondi dimostra – si richiama nella nota del Comitato di Solidarietà Popolare« Graziella Giuffrida» che ha affiancato i manifestanti – il disinteressamento da parte del comune di occuparsi dei quartieri popolari di questa città, buoni solo a fornire voti ogni 5 anni”. Una critica al ceto politico catanese che “non solo non crea servizi gratuiti per le famiglie ma non si preoccupa neppure di finanziare con soldi pubblici le strutture che esistono sul territorio”. Infatti, proseguono dal Comitato Giuffrida: “La riduzione dei servizi della Mary Poppins (doposcuola, attività sportiva…) significa negare opportunità alle bambine e ai bambini di Librino e significa anche mandare a casa tante lavoratrici e lavoratori che in questo modo perderanno il loro posto di lavoro”. Pertanto le mamme con a seguito i bambini e le lavoratrici\tori, nel corso della manifestazione, hanno chiesto all’assessore Lombardo di dare precise risposte, “ma il comune di Catania – sottolineano dal comitato – ha dato la risposta di sempre: il silenzio e lo schieramento delle forze dell’ordine a protezione dell’assessore che se l’è svignata davanti a tutti noi pur di non ascoltare le cittadine e i cittadini”. nota

Comitato di Solidarietà Popolare«Graziella Giuffrida»


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -