Sei all'interno di >> Flash |

Bruno Caruso RIP

di Redazione - domenica 4 novembre 2018 - 486 letture

E’ scomparso a 91 anni Bruno Caruso, pittore amico di Guttuso e Sciascia, che nei suoi dipinti e disegni ha raccontato le inquietudini della Sicilia. Interessato al mondo del giornalismo e della fotografia, ha collaborato con diverse testate, tra cui "L’Ora".

Proprio alla sua collaborazione con L’Ora è legata una polemica che animò per alcuni giorni la "pubblica opinione" dell’epoca. Nel 1971, dopo l’uccisione del procuratore Scaglione, il giornale pubblicò un disegno di Caruso,"Evviva la Sicilia", che affiancava alla figura del boss Luciano Liggio 5 personaggi della vita pubblica siciliana, tra cui Vito Ciancimino e Scaglione. Fulmini e anatemi su di lui da parte di tutti gli opinionisti fiancheggiatori del potere dell’epoca. Tutte cose che a noi oggi paiono più che ridicole.

Il tratto di Caruso sapeva essere elegante e "barocco" e nello stesso tempo graffiante e grottesco (come certo espressionismo tedesco, à la Grotz). C’è stato un breve periodo della storia italiana in cui l’arte era politica, e la sinistra sapeva agganciare anche l’interesse degli artisti per coinvolgerli nel pensiero dell’impegno, della lotta comune contro le ingiustizie e la corruzione del potere. Quando la sinistra ha smesso di fare politica e ha smesso di lottare contro le diseguaglianze, anche gli artisti sono tornati al loro privato. Bruno Caruso è stato un buon pittore e intellettuale, parte di una stagione irripetibile della storia della cultura italiana.

Fonte: RaiNews.


JPEG - 214.2 Kb
La Sicilia è una palestra (Bruno Caruso)


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -