Sei all'interno di >> GiroBlog | Centro Studi Est Europa |

BULGARIA: L’ultimo porto di Wilfred Burchett

La nostra corrisponente Anna Georgieva ha organizzato una celebrazione del grande giornalista australiano / 1911- 1983 /a Sofia
di Emanuele G. - giovedì 15 novembre 2018 - 1216 letture

Ho suggerito alla presidente dell’ Unione di giornalisti bulgari Snezhana Todorova di fare una festa in occasione dei 35 anni di morte di Wilfred Burchett presso il club dei giornalisti, lei era anche entusiasta dell’idea. Ho scritto un articolo per settimanale NAD 55, che il caporedattore del giornale Lyubomir Mihaylov ha pubblicato in due numeri consecutivi - 24 settembre e 1 ottobre. Il sito Web dell’Unione ha annunciato in anticipo per il prossimo evento.

Ho cercato la nipote della giornalista -Vanessa, una studentessa all’Academia del Arte, e lei ha portato i suoi amici.

E così, il 3 ottobre alle 5 del pomeriggio nell’accogliente club di giornalisti, ci siamo riuniti per raccontare dei nostri incontri con Wilfred Burchett. Ho cominciato con i miei ricordi, poi c’erano molte storie e siamo tornati ai tempi della nostra gioventù professionale quando persone come Burchett difendevano le grandi cause dell’indipendenza nazionale e della dignità umana. Una piccola celebrazione per una persona che dobbiamo ricordare oggi più che mai.

27 di settembre 1983, WILFRED BURCHETT, il giornalista australiano che inviò la prima corrispondenza del bombardamento atomico americano su Hiroshima, morì nella sua casa di Sofia. Su articolo è stato stampato sul Daily Express di Londra con il titolo "Peste atomica", sottotitolo " Scrivo per avvertire al mondo." Seguì una seconda bomba - sulla vicina Nagasaki. Tutto è stato cancellato dal vivo - solo un albero di ginkgo biloba è sopravvissuto e anni dopo ha rilasciato petali.

1982, un anno prima di lasciarci, Burchett è tornato in Bulgaria - è tornato nella patria della sua moglie, Vessa Osikovska, per rimanere qui fino alla fine. Poi ci siamo seduti nel soggiorno dell’appartamento a Sofia - il mondo sembrava calmo dopo le guerre calde e fredde, ed era tiempo di ricordi e riassunti. C’era un bicchiere di whisky sul tavolo e accanto a lei la sua pipa preferita.

Wilfred Burchett aveva lasciato la sua nativa Australia per essere sempre dove i destini delle nazioni e dei continenti sono stati gravamente violati. La sua lotta personale come giornalista era nel nome della liberazione nazionale, dei diritti umani e per una vita dignitosa.

Dopo il Giappone, il suo percorso lo ha portato in Cina, come corrspondente del quotidiano francese "L’Humanité" .Dal 1956 a Mosca per sei anni come corrispondente per "National Guardian" / oggi famoso "Guardian" /. Viaggi continui nelle zone di guerra - Vietnam, Cambogia, Laos.

Alla fine degli anni ’60, Burchett ha ripitualmente inviato articoli dal Vietnam a diversi giornali bulgari. Ricordo le sue pubblicazioni nel giornale " Otecestven Front", dove anche sua moglie Vessa stava scrivendo. Nelle brevi pause tra i suoi rischiosi viaggi nel mondo travagliato, è venuto alla Casa internationale dei giornalisti dove l’ho incontrato per la prima volta. È venuto con Vessa e due figli - Peter e George. Peter stava camminando al mattino sulla riva con uno strano panno. "Era nato a Pechino, ma era cresciuto a Phnom Penh", mi ha detto Vessa, "e adora questa tunica cambogiana". Durante una gita in barca al largo della costa, soffiava un forte vento, le onde hanno cominciato a buttarci su e giù. Abbiamo ballato un valzer sul ponte, e Burchett continuava ballare come non accadeva nulla. L’ho osservato, e non potevo immaginare che pochi giorni prima si trovasse nella giungla di Vietnam sotto il fioco di proiettili.

Nella sua casa di Sofia ricordammo Parigi 1972, Avenue Kleber - i negozi di pace in Vietnam - la guerra iniziò nel 1955 e si concluse con la caduta di Saigon il 30 aprile 1975.

Era pieno di giornalisti di tutto il mondo - la lunga battaglia diplomatica non solo doveva raggiungere una pace duratura, ma anche dimostrare che l’aggressione degli Stati Uniti in Vietnam era una violazione del diritto internazionale e di tutte le norme umane.

Ero a Parigi quello anno, e chiamai la Burchett: "Vieni subito in Avenue Kleber," disse Vessa.Mi hanno fatto conoscere molte persone, Jane Fonda l’aveva lasciata pochi giorni fa. Mi sono pentito di non esserci. Ma due anni dopo, al Festival internazionale del film documentario di Lipsia, Jane Fonda è apparsa improvvisamente con il suo documentario "Presentazione del nemico", girato in Vietnam. L’ho invitato per un’intervista per la Televisione nazionale bulgara, Jane ha acconsentito, ma senza molto desiderio, poi le ho detto: "Abbiamo amici comuni", "Chi sono?" mi ha chiesto incredula "Wilfred Burchett," mi risposta, "Oh, sì,la sua moglie è bulgara." Così finirono i miei problemi. Quella conversazione nella casa di Burchett nel 1982 è rimasta incompleta, non siamo stati in grado di realizzare il documentario - un anno dopo se n’era andato.

Dopo il suo primo arrivo in Bulgaria, Burchett è stato indagato in vari modi per il collegamento con la CIA, e negli Stati Uniti - per i relazioni con il KGB.

Negli anni a venire, queste persone dovettero capire che insieme agli giornlisti che si vendono per i profiti c’erano persone che difendano la dignità della professione di giornalista. Essere un giornalista non è solo una profesione - è una credenza, una missione e un dovere. E tutti quelli che vogliono mettere la nostra professione al di sotto di quell livello, vogliono solo bloccarci la bocca. Burchett non li permise e li costrinse ad ammettere la sua lotta e il suo contributo. Il girnalista portò il suo enorme archivio e biblioteca a Sofia.

Il suo libro di memorie "At the Barricades" è stato recentemente pubblicato da Harrison Salisbury, redattore capo del "New York Times". Mi ha dato da leggere la postfazione - "La mia lealtà è lealtà verso le mie convinzioni e ai miei lettori ... in molti paesi, ho avuto i lettori che hanno acquistato i giornali per i fatti essenziali che hanno influenzato le loro vite e hanno formato la loro coscienza. Come per i miei 40 anni di corrispondenza, ero sempre più convinto della responsabilità che ho assunto ".

Oggi l’intero archivo del giornalista è situato in Australia, Il Club Stampa di Melbourne 2014 ha istituito " Hall of Fame" per Wilfred Burchett. 1994 ho visitato per ultima volta Vessa a Sofia. Ecco parte di questa conversazione, pubblicata nel giornale " Europa 2001".

- Quando ci pensi da Wilfred , quale tipo di qualità ti viene in mente ?
- La dedizione alla causa a cui è stato impegnato, che ha scelto lui stesso: la sua causa sono stati i movimenti di liberazione , il diritto delle nazioni alla libertà nazionale e alla vita giusta. - Quali erano le dure regole che non ha mai restituito? - In primo posto lui doveva essere nel posto .Secondo - trovare tutto importante. Burchett si orientava molto bene, sempre buscando le fonti d’informazione, intervistando molti persone.Pensava che la cosa importante è di presentare i fatti è la verità. Inoltre non nascondeva la sua opinione, la sua simpatia, e in un conflitto era chiaro da che parte stava. Ma era anche una persona molto indipendente. Scrive di non aver mai scritto nulla che non fosse vero. Questo può essere letto nell libro accademico "Burchett- riporta in tutto il mondo 1939-1983" a cura di Ben Kirnan / Londra, Melbourne e New York 1986 /.
- Burchett ha avuto qualche area preferita del mondo?
- Sì, il Sud-Est asiatico lo ha attratto con la lotta delle nazioni di Laos, Cambogia e Vietnam per l’indipendenza.
- Quando, all’inizio degli anni ’70, si stavano svolgendo colloqui di pace in Vietnam e tutti e due erano lì, Burchet si sentiva come una persona che ha contribuito a questa pace?
- Assolutamente! Era un consulente del Columbia Broadcasting System guidato da Walter Kronkeit - Cosa gli ha dato il più grande piacere nella professione?" - Quando la sua causa aveva vinto!
- Aveva qualche giornale preferito? - Stava scrivendo su tutte le edizioni che stampavano i suoi articoli senza modificarli. Dal giornale della sinistra italiana, "Cotidiano dei lavoratori", al New York Times. Ha scritto molto sul Guardian di Londra .La BBC ha sempre quiesto commenti. Harrison Salisbury, vicedirettore del New York Times, spesso chiamato a casa e hanno parlato per ore - scrive che puoi sempre aggiustare il tuo orologio con un giornalista come Burchett. Sulzberger mandò telegrammi a Wilfred di New York e fece un incontro in un ristorante di lusso a Parigi . - Chi erano le persone che Burchett amava e apprezzava di più?
- La persona che rispettava era Ho Chi Minh - a causa della sua modestia, della sua dedizione al suo popolo, che era un internazionalista. Quando Ho Chi Minh morì nel 1969, il padre di Wilfred morì in quello stesso mese. Non è andato a nessuno di questi funerali, è andato a un coordinamento internazionale in Corea - c’era la chiamata. - C’era una nazione che amava tanto?
- Sì, i vietnamiti, aveva persino iniziato a studiare vietnamita. - Poteva capire queste persone dall’Indocina - sono così diverse ?
- Li ha capito perché li amava!
- E come conclusione, Vessa ?
- La cosa più significativa della mia vita sono stati questi 34 anni insieme. La nostra vita era molto tesa, spesso pericolosa, ma estremamente interessante: la vita, progettata sul mondo e sulla storia!

Nel 2007 Vesa ci ha lasciato, anche la figlia Anna mori due anni fa - ora solo la nipoteVanessa è rimasta a Sofia.

Quando stavo cercando informazione, ho capito che George, un artista, vive a Hanoi con la sua moglie - una bulgara e su figlio da anni. George presso la collaborazione con Nick Shimmin ha pubblicato nel 2005 un libro di oltre 800 pagine "Memorie del ribelle giornalista - l’autobiografia di Wilfred Burchett e nel 2007 "Giornalismo ribelle,gli scitti di Wilfred Burchett"

Ho mandato a George a Hanoi infmazione su nostro evento, su immediata risposta era cordiale.

La memoria è viva finché almeno una persona si ricorda !

Photo credits:

La foto di copertina e le foto in allegato ci sono state fornite dall’autrice dell’articolo


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -
Versione per la stampa Versione per la stampa
Ricerca
Inserisci la parole da cercare e premi invio

:.: Documenti allegati
Articolo di Anna Georgieva - 1 ottobre 2018

Articolo di Anna Georgieva -24 sett.2018

AT THE BARRICADES by WILFRED BURCHETT

DEMOCRACY WITH A TOMMYGUN by WILFRED BURCHETT

Geroge Burchett

MY WAR WITH C I A by NORODOM SIHANOUK & WILFRED BURCHETT

SHADOWS OF HIROSHIMA by WILFRED BURCHETT

THE ATOMIC PLAGUE by Wilfred Burchett

Vessa Osikovska, HO CHI MINH and Wilfred Burchett

Wilfred Burchett - foto in Hall of Fame, Melbourne

Wilfred Burchett in Hiroshima

Wilfred Burchett in Vietnam 1965

:.: Articoli di questo autore
:.: Articoli di questa rubrica