Albert Camus

"C’è la bellezza e ci sono gli oppressi. E per quanto difficile possa essere, io vorrei essere fedele ad entrambi"
di Luigi Boggio - mercoledì 1 gennaio 2020 - 730 letture

Sul supplemento "domenica" del Sole24Ore ho letto un bel ricordo di Goffredo Fofi su Albert Camus dal titolo " Fedele al bello e agli oppressi". Un ricordo che parte da lontano dalla sua morte in un incidente automobilistico il 4 gennaio di sessant’anni fa, al premio Nobel per la letteratura, al dissidio con Sartre e al richiamo di alcuni suoi romanzi.

Era amato dal grande pubblico e non sempre dagli intellettuali in particolare quelli di destra e quelli di sinistra che avevano sempre qualcosa da ridere sulle sue opere. Il dissidio con Sartre nasce proprio da diverse opinioni sull’esperienza sovietica e la guerra d’Algeria Opinioni profondamente contrastanti e distanti che li portarono ad allontanarsi per ricongiugersi con le parole scritte da Sartre nel suo romanzo " Le parole": per il proletario Camus la cultura fu una dura conquista, per il borghese Sartre un privilegio di nascita".

Di questa sua appartenenza e condizione Albert ne aveva una profonda coscienza che non smarriva ma che era sempre presente nella sua azione quotidiana e nel suo impegno. Non era come giustamente fa notare Fofi come gli intellettuali odierni afflitti da un’inspiegabile paralisi all’azione. Una paralisi che si avverte e che si trascina da tempo quasi sempre per non schierarsi e stare con i piedi all’asciutto.

La frase di Camus non citata come merita per Fofi "c’è la bellezza e ci sono gli oppressi. E per quanto difficile possa essere, io vorrei essere fedele ad entrambi". La ricerca del bello e del giusto per stare,capire e non abbandonare gli oppressi. Una scelta di vita poggiata su degli ideali forti che non fanno dimenticare la provenienza, i sacrifici della famiglia per farlo studiare, il suo estro letterario e il suo essere dalla parte degli oppressi.Indimenticabile l’inizio di uno dei primi romanzi che ho letto " Lo straniero:" "Oggi la mamma è morta. O forse ieri non so".



Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -