Sei all'interno di >> :.: Primo Piano | Attualità e società |

Addio alla leva militare obbligatoria

Anticipata l’abolizione della leva obbligatoria al prossimo 1° gennaio. Polo e Ulivo votano insieme. Il voto contrario di Rifondazione comunista
di Cesare Piccitto - domenica 1 agosto 2004 - 20555 letture

Con una legge che alimenta diversi sospetti sul futuro militare dell’Italia, è stato approvato ieri alla Camera dei Deputati un provvedimento che anticipa la fine della leva obbligatoria al 1° gennaio del 2005. Con 433 sì, 17 no e 7 astenuti il parlamento italiano chiude una parentesi, durata 143 anni, per aprirne una nuova ma che rischia di essere più gerarchica e militarista di quella precedente. Alla base del nuovo disegno di legge, sponsorizzato dal ministro della Difesa Martino, vi è la convinzione che «il paese deve poter disporre di uno strumento militare capace di corrispondere efficacemente alle nuove esigenze della sicurezza nazionale» all’interno di uno scenario di guerra internazionale. Martino parla inoltre di necessità inesistenti e di missioni di pace fantasiose come quelle di «garantire una presenza professionalmente qualificata in grado di inserirsi negli schieramenti alleati nel contesto delle sempre più numerose missioni di pace della comunità internazionale».

Hanno votato a favore tutti i partiti della maggioranza. Per le opposizioni, favorevoli i Ds, la Margherita e lo Sdi; mentre i Verdi si sono astenuti. Contrari i deputati di Rifondazione comunista, convinti che il nuovo testo sia la negazione stessa dei valori espressi dall’art.11 della Costituzione italiana. «Non condividiamo il ruolo di un esercito professionale inteso come minaccia e aggressione - rileva il gruppo del Prc - L’idea di professionalizzazione dell’esercito che questa legge sottende è legata ad una proiezione futura di natura prettamente militare».

In questi ultimi mesi, la leva obbligatoria dovrà essere prestata dai nati sino al 1985, chi, invece, ha ottenuto il rinvio della leva per motivi di studio, non dovrà più partire. Nel provvedimento, in base al testo approvato ieri, votato dalla Cdl e dal Centrosinistra in un accordo bipartisan, viene anticipata la professionalizzazione delle Forze armate italiane, modificando in sostanza il primo disegno di legge, risalente all’ottobre del 2000. Presentato dall’Ulivo, e contestato anche allora dai deputati di Rifondazione, prevedeva la leva fino alla fine del 2007.

Il provvedimento stabilisce anche che i volontari in ferma prefissata di un anno dovranno essere cittadini italiani di età non inferiore ai 17 anni e non superiore ai 25 e con diploma secondario di primo grado. I militari volontari potranno inoltre chiedere un periodo di rafferma pari ad un altro anno.

Si chiudono le porte di accesso per i giovani che vogliono entrare nelle forze di Polizia che dovranno passare prima un anno nelle forze armate. In pratica, per diventare poliziotti, carabinieri ma anche guardie di finanza, guardie forestali e vigili del fuoco, bisognerà fare obbligatoriamente un anno di naja, percependo 850 euro al mese, che diventeranno 980 dopo il primo trimestre. In Aula la farsa mostra la sua vera natura solo quando nasce una bagarre tra le stesse fila della Cdl. Il motivo: il voto relativo all’articolo che privilegia l’accesso per chi risiede nelle regioni del nord al corpo degli Alpini a cui verrà riservato un "bonus" economico di 50 euro. La Lega urla inni padani, mentre An sottolinea che negli alpini hanno servito la Patria italiani di tutte le regioni, anche di quelle del sud. Fannulloni i bersaglieri. A fare le spese è anche l’obiezione di coscienza, istituita nel 1972, la cui obbligatorietà decade con quella militare. «Il venir meno dell’obbligo della leva rischia di cancellare la ricchissima esperienza di trent’anni di obiezione di coscienza e servizio civile». E’ il parere di Vilma Mazzocco, presidente di Federsolidarietà e Confcooperative. «Speriamo, comunque - ha proseguito la Mazzocco -, che il provvedimento approvato oggi contribuisca finalmente a fare chiarezza sul quadro generale della Difesa in Italia. Le preoccupazioni al momento sono forti. Per avviare al servizio 40.000 giovani, nella finanziaria per il 2005 sarebbe necessario prevedere uno stanziamento di almeno 280 milioni di euro, a fronte dei neanche 120 annunciati».

Vito Scalisi (Fonte: Liberazione.it)


Rispondere all'articolo - Ci sono 5 contributi al forum. - Policy sui Forum -
> Addio alla leva militare obbligatoria
21 agosto 2004

PERCHE NON ALZANO IL LIMITE DI ETA DI 35 ANNI
    > Addio alla leva militare obbligatoria
    21 settembre 2004, di : Hiooga

    Maledizione a te!!Io ho 26 anni e sono dovuto partire dopo la laurea, maledizione speriamo ke tu parta lo stesso, senza rancore s’intende!!!
> Addio alla leva militare obbligatoria
3 settembre 2004, di : Walter Giannò |||||| Sito Web: http://waltergianno.splinder.com

FINALMENTE! CHE BELLA NOTIZIA! Io, nato nel 1981, NON DOVRO’ PIU’ PARTIRE! NON DOVRO’ PERDERE UN ANNO! FANTASTICO!
    > Addio alla leva militare obbligatoria
    7 settembre 2004, di : Pseudo_monas

    E’ indecente che la Signora Mazzocchi continui a confondere l’obiezione di coscienza con il servizio civile. Per lo meno, ora il volontariato sarà davvero volontario, e non una sorta di ripiego per evitare la vita militare come è sempre stato nella stragrande maggioranza di casi per gli obiettori di coscienza. E’ alquanto stupido chiudere gli occhi su questa realtà, come fanno parecchie associazioni di volontariato private che si giovavano fino ad oggi di forza lavoro praticamente gratis, a scapito della libera scelta dei giovani e del loro inserimento nel mondo del lavoro. E’ un comportamento disgustoso e altamente immorale, nascosto dietro la bella facciata del volontariato. Finalmente, è stato votato un provvedimento che, con buona pace della Mazzocchi e di tutti i vari "don" che gestivano ragazzi senza compenso e senza nemmeno la voglia, fa del volontariato una vera SCELTA. L’obbligo è finito, come era giusto che finisse, e come è avvenuto in molti degli stato europei e presso gli Stati Uniti. La Mazzocchi vada a fare formazione di coscienze invece di lamentarsi con una legge pefettibile ma fondamentalmente equa.
    > Addio alla leva militare obbligatoria
    5 ottobre 2004, di : Francesco

    Io lavoro da 1 anno e mezzo assunto con contratto di apprendistato di 36 mesi, ho inoltrato domanda un paio di mesi fa ad oggi 5/10/2004, sono nato nell’82 e non sò ancora se devo farlo o meno. Qualcuno potrebbe rispondermi. Grazie
> Addio alla leva militare obbligatoria
13 ottobre 2004, di : wm

mio figlio é dell’aprile 83. ho le idee confuse e penso anche lui! deve partire o no? ha marcato la visita dei 2/3GG a BO (idoneo di 1°),lavora part time in contratto determinato, non ha ancora ricevuto la cartolina per la chiamata e siamo ad ottobre. chi puo darci informazioni più chiare e/o dove possiamo rivolgerci?
> Addio alla leva militare obbligatoria
20 maggio 2005, di : alemao |||||| Sito Web: addio alla leva militare

io esonerato dalla leva obbligatoria vorrei sapere se ci manderanno qualche cosa che ce lo attesti grazie
Addio alla leva militare obbligatoria
11 luglio 2007, di : uno dei tanti poveri intelligenti in italia...eheheh

Certo...la fascia piu’ interessata alla disoccupazione ovviamente è dai 25 in su...e nessuno fa niente per abolire l’esistenza delle agenzie interinali e multare fortemente chi assume in temporaneo.Cosi’ la disoccupazione crescerà sempre di +.Ci dovremmo attendere una rivolta civile in futuro??? O sarebbe meglio iniziare ad assumere a tempo indeterminato chi si è diplomato e laureato e chi non riesce a trovare occupazione perchè non ha avuto la fortuna di poter studiare di piu’per motivi gravi o personali? Questa è libertà!! Come fanno a dire "rispettiamo le leggi"quando le leggi sono impossibili?? Io la vedo in questo modo e chissà quante altre persone ....Per vivere oggi bisogna tirarsi le cuoia e tutto questo non è giusto..Troppa povertà altro che benessere!!!La tv pubblicizza una realtà che non esiste....dai diciamo la verità una volta tanto..."La povertà genera dirturbi sociali"..è possibile che questa frase non si senta mai nei discorsi politici,al posto di parlare sempre di tasse o di competizione con la casa delle libertà?? O forse è vero che l’unico che fermerà tutto questo ha un solo nome??? Chi?? Dio naturalmente..