Sei all'interno di >> Flash |

Addio a Walter De Benedetto

di Redazione - martedì 10 maggio 2022 - 737 letture

Fonte: Redattore Sociale

FIRENZE - Addio a Walter De Benedetto, paladino della battaglia per la legalizzazione della cannabis terapeutica. Affetto da 36 anni da artrite reumatoide, è morto nella notte di domenica all’età di 49 anni. Viveva a Olmo, nel comune di Arezzo. Il Sistema sanitario non riusciva ad assicurargli la quantità necessaria a combattere i dolori fortissimi causati dalla sua patologia, che lo ha reso invalido al 100 per cento, e per questo Walter aveva iniziato a coltivare la cannabis per uso personale. La coltivava nel giardino di casa sua, facendosi aiutare da un amico. Così soffriva meno. È stato proprio l’amico a essere sorpreso dai carabinieri nell’ottobre del 2019, mentre annaffiava le piante nella serra del giardino della casa. Walter finì sotto processo per produzione illegale. Rischiava il carcere, lui disse: “Mi assumo la mia responsabilità, mi sento al posto con la mia coscienza. Sono già incarcerato nel mio corpo, ma dove vado più?” Poi era stato assolto visto che per il gup di Arezzo la coltivava a scopo terapeutico.

Nel suo ultimo appello, lo scorso 17 marzo, per sollecitare la risposta del Parlamento davanti alla proposta del ddl sulla coltivazione domestica, ancora oggi in discussione in Commissione Giustizia, aveva scritto: «Ci sentiamo scoraggiati perché sembra che il nostro Stato preferisca lasciare 6 milioni di consumatori nelle mani della criminalità organizzata anziché permettergli di coltivarsi in casa le proprie piantine».

Marco Cappato dell’Associazione Luca Coscioniha affidato a un post sui social il suo saluto a Walter De Benedetto. «La prima volta che sono stato a casa di Walter era perché voleva parlare del suo fine vita. Da allora, invece, ha scelto di battersi come un leone contro l’idiozia e la violenza di uno stato che l’ha portato alla sbarra perché si doveva curare con la cannabis. Ha vinto la sua battaglia processuale, non abbiamo fatto in tempo a vincere con lui in Parlamento o col referendum la battaglia politica per la legge. Andiamo avanti, anche in sua memoria. Grazie Walter».


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -