Sei all'interno di >> Flash |

Addio a Isabella Biagini



sabato 14 aprile 2018 , Inviato da Redazione - 324 letture

E’ morta a Roma, dove era nata 74 anni fa, Isabella Biagini. Attrice, soubrette tv, show girl e imitatrice. Malata da tempo, era ricoverata nella clinica "Antea Hospice" un centro per cure palliative e la terapia del dolore che si trova all’interno del Parco di Santa Maria della Pietà. A novembre aveva avuto una ischemia.

Nata nel dicembre del 1943, il suo vero nome era Concetta Biagini, aveva esordito nel 1955 con una piccola parte nel film ’Le amiche ’ di Michelangelo Antonioni. Da lì il via. Con l’approdo in tv divenne un personaggio molto famoso ricomprendo ruoli versatili. Bella, molto sexy ha rivestito molti ruoli comici e da ’svampita’ in numerosi varietà degli anni Sessanta e Settanta e la partecipazioni a diverse commedie all’italiana da ’Amore all’italiana ’ di Steno a ’Boccaccio ’ di Bruno Corbucci, a commedie musicali da ’Non cantare, spara ’ (1968) con il Quartetto Cetra a ’Bambole, non c’è una lira ’ (1978) e ’C’era una volta Roma ’ (1979). Nel 1983, nel film diretto da Renzo Arbore "FF.SS." - Cioé: "....che mi hai portato a fare sopra a Posillipo se non mi vuoi più bene?" vi fece l’apparizione come ’personaggio famoso’ assieme a Roberto Benigni, Luciano De Crescenzo, Pippo Baudo e molti altri personaggi ed artisti famosissimi.

JPEG - 47.5 Kb
Isabella Biagini su una rivista degli anni Settanta

Ironica e dissacrante, aveva un talento anche come imitatrice, indimenticabile la sua Mina. Segnata da una vita sentimentale difficile e da due matrimoni falliti, ha avuto un’unica figlia Monica, morta nel 1999 a causa di un tumore. Nel 2016 aveva denunciato la sua difficile condizione economica e di salute dopo che la sua casa in Via Nomentana aveva preso fuoco a causa di una coperta termica. Era stata salvata dai Vigili del Fuoco. Viveva con una pensione di circa 650 euro al mese. Dopo lo sfratto era stata costretta a vivere in macchina. Dal gran successo era passata ad una vita segnata dalla sofferenza, l’indigenza economica e la malattia. In un’intervista all’Adnkronos del 2011 raccontò perché, circa 35 anni prima, era stata messa per sempre da parte dalla tv. "La mia rovina - raccontò - fu il ’mancato sfregamento dell’epidermide’ con due grandi boss del mondo dello spettacolo: non volli cedere alle loro avances. Erano altri tempi, non c’era la libertà sessuale che c’è oggi e trovai molto sconveniente il modo in cui, queste due persone, cercarono di approcciarmi". (All’epoca la soubrette stava vivendo una intensa storia sentimentale con Paolo Limiti, che è durata una decina di anni. A fine anni Settanta, poi ebbe una bellissima storia d’amore con Enrico Montesano durata un paio di anni, per sua stessa ammissione, ndr). "Entrambi gli uomini mi proposero una storia seria - disse sempre nell’intervista all’Adnkros - addirittura il matrimonio, ma io non sentivo i ’violini’. Inoltre non capivo perché ci provassero con me, io ero un’attrice di talento, non sono mai scesa a compromessi, non ho mai avuto bisogno di ’buoni compagni’ o ’spinte’. Così scappai via da entrambi e da allora mi fecero, uno da una parte e uno dall’altra, terra bruciata intorno. Hanno cercato di copiarmi i capelli, i lustrini, le paillettes, hanno cercato di far ’biaginare’ le altre ma non si può essere Anna Magnani solo perché si indossa una parrucca simile ai suoi capelli!".

L’articolo di Tiziana Di Giovannandrea, è stato pubblicato da: RaiNews24.



Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -
Stampa Stampa Articolo
Ricerca
Inserisci la parole da cercare e premi invio
:.: Condividi

Bookmark and Share
:.: Articoli di questo autore
:.: Articoli di questa rubrica