Sei all'interno di >> GiroBlog | Solo parole |

A Simone e Alessio

ARRISTASTUVU PICCIRIDI
di Giuseppe Castiglia - lunedì 15 luglio 2019 - 359 letture

A Simone e Alessio

ARRISTASTUVU PICCIRIDI

Arristastuvu picciridi, cu l’uocchi ‘mpitrati, i manu fermi, di cira, comu cori spaggnati, comu luci ‘nfacci di notti ca portunu scuru, u scuru do munnu.

Carni e ossa nta l’aria, comu pezzi abbiati ’nterra, e lacrimi senza fini, e sangu p’aviri fini, e fangu supra o piettu, duru di nun putìri ciatari.

Arristastuvu picciridi, ammucciati e truvati senza canusciri guerra, intra na strata canusciuta, mentri paroli s’assicutunu e crisciunu arridiennu,

senza canusciri duluri e focu di raggia pazza; ca ora si mancia tuttu ida: o ‘ nnuccenti, o disgraziatu, a cu parturiu e a cu sudàu, ca ora di pani e morti campa.

Arristastuvu picciridi intra n’vistitu jancu tinciutu di ciuri russi c’allurdunu l’uocchi e spardunu manu duri, “i sintìti comu abbattunu?”

Né carizzi né tumpuluna ntá ssì facci chiù si posunu, ora ca spadi forti v’accumpagnunu muti ntà l’urtimu viaggiu, unni i pedi nun hanu chiù passi.

Arristastuvu picciridi senza jammi pì jucari, cori e vucca pi ciatari. Arristastuvu picciridi senza frazza p’abbrazzari ma cu l’ali pì vulari.

Dario Meli

https://www.facebook.com/dario.meli1


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -