Il 14 luglio protesta dei blogger italiani: una giornata di silenzio

Pubblicato domenica 12 luglio 2009.

Contro il decreto Alfano, il 14 luglio, per la prima volta nella storia della Rete, i blog osserveranno una giornata di silenzio. «Una protesta della Rete italiana contro un provvedimento che avrà l’effetto di disincentivare l’uso dei blog e delle libere piattaforme di condivisione dei contenuti» dice una nota dei promotori dell’iniziativa: i blogger Enzo Di Frenna, Alessandro Gilioli e Guido Scorza, docente di diritto informatico; a cui ha subito aderito fra gli altri anche l’associazione AltroConsumo.

Al posto dei consueti post, i blog italiani pubblicheranno solo un banner di protesta contro il provvedimento, «in particolare contro quella parte che soffoca la libertà della Rete con il pretesto dell’obbligo di rettifica».

«I blogger - dice la nota - sono già oggi del tutto responsabili, in termini penali, di eventuali reati di ingiuria, diffamazione o altro: non c’è alcun bisogno di introdurre sanzioni insostenibili per i ’citizen journalist’. Chiediamo ai blog e ai siti italiani - conclude - di fare una giornata di silenzio, con un logo che ne spiega le ragioni, nel giorno in cui anche i giornali e le tv tacciono. È un segnale di tutti quelli che fanno comunicazione che, insieme, dicono al potere: ’Non vogliamo farci imbavagliare’».

«14 luglio: lottare, lottare, lottare. Non pensavo un tale risultato. Lo sciopero dei blogger, la giornata di rumoroso silenzio della Rete, la manifestazione in piazza Navona: il 14 luglio 2009. Una data storica» ci scrive Di Frenna.

«Per la prima volta i blogger scioperano in una democrazia europea, contro un governo e un disegno di legge che imbavaglia l’informazione e la Rete. Un segnale forte che Internet esiste e non puo’ essere legiferata e imbavagliata»

Per chi può esserci fisicamente, l’appuntamento è martedi’ 14 luglio, a piazza Navona, ore 19, con un bavaglio di stoffa (pezzo di lenzuolo, foulard, ecc) per protestare in silenzio.

Via: Anna Masera su La Stampa

L’appello di Alessandro Gilioli

Girodivite aderisce all’iniziativa, in solidarietà con i blogger italiani e per la libertà di espressione e di informazione.



Ultime news


 
Eventi_in_giro Eventi in giro
:.: Gli ultimi 10 articoli pubblicati