Catania: Testo Moratti, giovedì 4 assemblea

Pubblicato sabato 28 febbraio 2004.

CGIL, CISL E UIL di Catania

Testo Moratti e Università, giovedì 4 assemblea generale dei docenti e dei ricercatori catanesi

E’ convocata per giorno 4 marzo alle ore 10, nell’aula 3 del Rettorato, l’assemblea generale dei docenti e dei ricercatori dell’Universita’ di Catania in occasione della giornata nazionale di protesta contro le scelte del ministro Moratti. Dopo la grande e riuscita assemblea del 17 febbraio scorso che ha visto la partecipazione dei docenti, dei comitati di coordinamento delle diverse forme di precariato universitario, oltre alle rappresentanze del personale tecnico – amministrativo e degli studenti, si sono tenuti due incontri con il ministro ed i suoi rappresentanti. Ecco le proposte del Governo: eventuali nuove risorse non quantificate da reperire in sede parlamentare; aumento dal 15 al 30% della quota riservata ai ricercatori confermati nei giudizi di idoneità per la fascia dei professori associati; disponibilità per i futuri “ricercatori”, a sostituire la forma di co.co.co di 5+5 anni con contratti a tempo determinato, con sbocchi nella pubblica amministrazione e nella scuola nel caso di non ingresso nel ruolo universitario; riduzione a soli 3 anni il limite di durata dei contratti a termine dei professori associati e ordinari prima dell’eventuale immissione in ruolo. Il risultato degli incontri è stato giudicato dai sindacati unitari e dalle segreterie catanesi di CGIL – CISL – UIL, SNUR – CGIL CISL- Università UIL - PA , “molto deludente perché le proposte ministeriali non costituiscono una revisione significativa dell’impianto e dei contenuti qualificanti del disegno di legge delega”. Le organizzazioni sindacali hanno pertanto confermato le iniziative di protesta già previste. L’assemblea catanese di giorno 4 servirà ad affermare la centralità del sistema universitario pubblico nella didattica e nella ricerca; il rifiuto della precarizzazione del lavoro universitario; la necessità del ritiro del disegno di legge delega. Inoltre, secondo il Coordinamento di Ateneo (composto da docenti, ricercatori, assegnisti, dottori di ricerca, dottorandi): “il testo Moratti segna un ulteriore attacco al sistema pubblico universitario. La sua impostazione fa sì che non risulta emendabile, può essere solo respinto. Lo confermano gli incontri con il Ministro del 17 e del 25 febbraio: a quest’ultimo, assente la Moratti, funzionari di secondo piano hanno pronunziato vaghissime promesse di risorse finanziarie e mantenimento “abbellito” della precarizzazione del lavoro”.

Le segreterie CGIL – CISL – UIL SNUR – CGIL CISL- Università UIL - PA

Per inf. Rosa Maria Di Natale 347 7009446



Ultime news


 
Eventi_in_giro Eventi in giro
:.: Gli ultimi 10 articoli pubblicati